Istat: «Il Centro-Nord sale oltre il 30% nelle esportazioni nel III trimestre» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: «Il Centro-Nord sale oltre il 30% nelle esportazioni nel III trimestre»

«Nel terzo trimestre 2020, si stima una forte crescita congiunturale delle esportazioni per tutte le ripartizioni territoriali: +34,3% per il Centro, +33,4% per il Nord-est, +30,3% per il Nord-ovest e +27,0% per il Sud. Nel periodo gennaio-settembre 2020, l’export registra una diminuzione su base annua marcata e diffusa a livello territoriale: rispetto alla media nazionale, è più ampia per le Isole (-28,2%) e, in misura minore, per il Nord-ovest (-14,0%), più contenuta per il Centro (-11,8%), il Nord-est (-10,4%) e il Sud (-10,1%). Nei primi nove mesi dell’anno, la flessione tendenziale dell’export interessa quasi tutte le regioni ed è più accentuata per Sardegna (-39,9%), Valle d’Aosta (-24,5%), Sicilia (-21,4%) e Basilicata (-21,3%). Le performance negative di quattro regioni – Piemonte (-17,6%), Lombardia (-13,4%), Veneto (-11,0%) ed Emilia-Romagna (-10,6%) – spiegano oltre i due terzi del calo su base annua dell’export nazionale. Solo Molise (+31,4%) e Liguria (+1,1%) registrano, nel confronto con i primi nove mesi del 2019, un aumento delle esportazioni. Nello stesso periodo, la riduzione delle vendite di macchinari e apparecchi da Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte, di metalli di base e prodotti in metallo dalla Lombardia e di articoli in pelle, escluso abbigliamento e simili, dalla Toscana contribuisce per 3 punti percentuali al calo tendenziale dell’export nazionale. Per contro, l’aumento delle esportazioni di metalli di base e prodotti in metallo da Toscana e Lazio e di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici da Toscana, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Marche contrasta per 1,4 punti la flessione dell’export. Nei primi nove mesi del 2020, i contributi maggiori alla diminuzione su base annua delle esportazioni nazionali derivano dal calo delle vendite di Piemonte (-16,2%) e Lombardia (-14,3%) verso la Germania, di Piemonte (-17,8%), Lombardia (-15,3%) ed Emilia-Romagna (-12,5%) verso la Francia e di Lazio (-34,0%), Piemonte (-22,6%) ed Emilia-Romagna (-13,5%) verso gli Stati Uniti. L’analisi provinciale dell’export mostra performance negative per la maggior parte delle province italiane: le peggiori interessano Milano, Torino, Firenze, Bergamo, Brescia, Cagliari e Vicenza. Tra le performance positive, le migliori si registrano per Arezzo, Gorizia e Rovigo. Si comunica che i dati del 2019 del commercio con l’estero sono stati resi definitivi e che quelli dei primi cinque mesi del 2020 sono stati revisionati, utilizzando le dichiarazioni Intrastat che si sono rese disponibili dopo il 30 giugno 2020, al termine della sospensione dell’obbligo di trasmissione, prevista tra le misure a sostegno delle imprese dal Decreto “Cura Italia” nella prima fase dell’emergenza Covid-19». Lo ha reso noto l’Istat nella nota sul proprio sito.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: l’Aifa dà il via libera all’utilizzo del vaccino Moderna per la fascia d’età tra i 12 e i 17 anni

La Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA, l’Agenzia italiana del Farmaco, ha dato il via libera all’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: a livello globale, i contagi hanno superato i 195,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 195.507.680. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo di mascherina per tutti i dipendenti della Casa Bianca

I dipendenti della Casa Bianca dovranno indossare nuovamente le mascherine all’interno dell’edificio e in tutta l’area circostante, per prevenire la diffusione del coronavirus. La decisione…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Sale la fiducia dei consumatori a luglio: 116,6. In crescita anche la fiducia delle imprese a 116,3”

“A luglio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia