Da un’emergenza all’altra: la povertà sanitaria in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Da un’emergenza all’altra: la povertà sanitaria in Italia

Gli effetti dell’emergenza. La pandemia ha aggravato il fenomeno: nel 2020 circa 434 mila persone povere non hanno potuto acquistare i medicinali di cui avevano bisogno

di Redazione

A pochi giorni dall’inizio della prima campagna di vaccinazione nel Regno Unito contro il coronavirus, l’Oxfam ha lanciato l’allarme che la corsa ai vaccini taglierà fuori i paesi più poveri. Secondo l’Organizzazione, infatti, «i Paesi ricchi, con il solo il 14% della popolazione mondiale, hanno già acquistato il 53% di tutti i vaccini più promettenti finora», ciò significa che i paesi ricchi si sono già assicurati sufficienti dosi di vaccino al contrario di quelli poveri – nonostante in almeno cinque di questo raggruppamento ci siano stati un milione e mezzo di contagi – che non riceveranno un vaccino sicuro ed efficace.

Si prospetta così una grande disuguaglianza tra chi può e chi non può accedere al vaccino. Questa segue specularmente la disuguaglianza sanitaria mondiale, che è proprio a discapito dei paesi poveri e che si anche per l’accesso, in generale, alle cure mediche.

Il gap, però, tra chi ha accesso alle cure e coloro che invece non possono permettersi i medicinali è ormai individuabile anche all’interno degli stessi paesi ricchi, dove la povertà sanitaria è un fenomeno che la crisi derivante dal coronavirus ha solo accentuato. Secondo i dati dell’VIII Rapporto Donare per curare dell’Osservatorio sulla Povertà Sanitaria, presentati di recente dal Banco Farmaceutico e dall’AIFA, già nel 2019 sette milioni e 867 mila persone, che il rapporto definisce “non povere”, corrispondenti a tre milioni e 564 mila famiglie, lo scorso anno hanno dovuto sospendere o limitare almeno una volta la spesa necessaria per visite mediche e accertamenti periodici. Inoltre, mentre questa categoria di persone “non povere” ha una capacità di spesa pro-capite mensile per le cure mediche di 65 euro e poco più di 28 euro per i medicinali, le persone indigenti possono spendere rispettivamente solo 10,15 euro per le cure mediche e soli 6,38 euro mensili per le medicine.

La pandemia ha peggiorato la situazione: se oltre 30 mila persone non riescono sistematicamente ad acquistare medicinali, nel 2020 sono state 434 mila le persone povere che non hanno potuto comprare medicine a causa delle difficoltà economiche e, durante l’attuale periodo di emergenza, più di 173 mila persone indigenti non sono riuscite a chiedere aiuto a un ente di assistenza. Tra i motivi, il rapporto individua sicuramente la paura del coronavirus che ha fatto ridurre le uscite anche per motivi medici, ma la ragione è anche e soprattutto il fatto che la pandemia ha avuto effetti sui centri assistenziali, tanto che poco più del 40% degli enti ha dovuto limitare la propria azione o sospendere del tutto il servizio.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia