Calano le emissioni di CO2, ma non la concentrazione nell’atmosfera | T-Mag | il magazine di Tecnè

Calano le emissioni di CO2, ma non la concentrazione nell’atmosfera

L’UE ha un nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni CO2 entro il 2030. Durante i periodi in lockdown le emissioni di anidride carbonica sono diminuite, tuttavia non si sono registrati miglioramenti significativi

di Redazione

L’UE ha annunciato l’approvazione di un’ambiziosa proposta per un nuovo obiettivo che renderà l’Europa leader nella lotta al cambiamento climatico: entro il 2030 le emissioni di gas a effetto serra verranno ridotte almeno del 55%. Ad un anno dal GreenDeal europeo, la decisione è in linea con il traguardo di neutralità climatica da raggiungere nel 2050 e si prospetta anche migliore rispetto a quanto sottoscritto già nell’accordo di Parigi che prevede una riduzione delle emissioni per una quota dal 25 al 40%.

In modo indiretto il coronavirus potrebbe aver contribuito in modo indiretto al raggiungimento dell’obiettivo di minori emissioni, infatti molti studi durante il periodo pandemico hanno dimostrato che i lockdown nelle aree del mondo più sviluppate hanno ridotto le emissioni di CO2, dovute al drastico calo della produzione e degli spostamenti.

Secondo i dati del Global Carbon Project, l’organizzazione che stima la quantità di gas serra prodotta globalmente, durante il periodo del lockdown le emissioni di CO2 potrebbero essersi ridotte di circa il 17% a livello globale. Ma, nonostante ciò, secondo l’Organizzazione metereologica mondiale, a fronte della riduzione delle emissioni non si è verificato un corrispondente calo della concentrazione dei gas serra nell’atmosfera che anzi è risultata in aumento.

L’Organizzazione sottolinea proprio il trend di crescita della concentrazione di CO2, principale gas serra, dopo l’aumento repentino del 2019, si è verificato anche quest’anno. La concentrazione di anidride carbonica è infatti passata da quota 400 parti per milione nel 2015 a 407,9 nel 2018, fino a 410,5 parti per milione lo scorso anno, proprio come nel 2020.

Quindi la riduzione momentanea delle emissioni di anidride carbonica, proprio per le sue cause circoscritte nel tempo e non imputabili ad un cambiamento sostanziale della mentalità e dell’economia, oltre ad essere momentaneo, potrebbe risultare, secondo le conclusioni del Global Carbon Project, anche controproducente poiché si potrebbe verificare un effetto di accelerazione della produzione economica, passata la pandemia, e quindi un conseguente riaumento delle emissioni di anidride carbonica rilasciate nell’atmosfera.

 

Scrivi una replica

News

Germania, la Linke entra al Bundestag

Malgrado il 4,9% ottenuto, la Linke (partito di sinistra), entra nel Bundestag grazie ai tre mandati su cinque. Stando alla nuova distribuzione di forze, nella…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Scholz: “La Germania è stabile”

“La Germania è sempre stabile”. Lo ha affermato Olaf Scholz, aspirante cancelliere dell’Spd, in conferenza stampa a Berlino, commentando i risultati delle elezioni e le…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, in Labour nuove regole per la nomenclatura

La riforma del regolamento interno ai Labour che forza il peso della nomenclatura ci sarà. Decisiva per ottenere la vittoria di misura è stata l’adesione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, vince la Spd ma Cdu non cede. Merkel in carica fino al nuovo governo

Per la prima volta nel dopoguerra, i due maggiori partiti della Germania sono sotto la soglia del 30%. Infatti, il conteggio ufficiale provvisorio della Commissione…

27 Set 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia