L’anno «nero» dei giornalisti | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’anno «nero» dei giornalisti

Nel 2020 il numero di giornalisti in carcere sale a 274. Tra questi chi ha riportato notizie sui disordini nel proprio paese, ma anche chi ha raccontato il coronavirus

di Redazione

È stata condannata a quattro anni di carcere Zhang Zhan, ex avvocato diventata citizen journalist, che da febbraio si era trasferita a Whan e condivideva sui social i resoconti in diretta della crisi coronavirus dalla città focolaio. Arrestata a maggio, l’incriminazione affermava che la giornalista-blogger aveva inviato “false informazioni tramite testo, video e altri media attraverso mezzi quali WeChat, Twitter e YouTube”, mentre la sentenza, arrivata dopo un’udienza breve, ha motivato la colpevolezza per aver “raccolto litigi e provocato problemi”. Zhang è stata la prima ad avere un processo nel gruppo di quattro citizen journalist detenuti dall’inizio dell’anno per aver rendicontato e pubblicato gli eventi successi a Wuhan quando si parlava di una polmonite misteriosa.

Photo by Jana Shnipelson on Unsplash

Questi casi si vanno ad aggiungere ai 47 giornalisti che al 1° dicembre sono finiti in prigione a causa del loro lavoro. Secondo l’annuale report redatto dal Committee to Protect Journalists, la Cina è la prima nazione per giornalisti detenuti, ma non è la sola. In totale nel 2020 sono stati 274 i membri dei media che in tutto il mondo sono finiti in prigione a causa del loro lavoro, ed il numero non tiene conto di coloro che sono stati imprigionati e rilasciati.

Dopo la Cina, per maggior numero di giornalisti dietro le sbarre seguono la Turchia con 37 giornalisti incarcerati, l’Egitto dove sono 27, l’Arabia Saudita, paese in cui i media in prigione sono 24. Secondo i dati il 2020 è stato un anno nero per la stampa, con 23 arresti in più rispetto allo scorso anno. Il fatto scatenante dell’aumento è stato, come nel caso della citizen journalist cinese, il coronavirus. Molti dei giornalisti incarcerati sono stati accusati per aver denunciato la gestione della crisi sanitaria da parte delle autorità o aver reso pubbliche informazioni sulla situazione non rese disponibili dai governi, specialmente in Cina ed Egitto. Un’altra causa molto comune che mette a rischio la libertà e la vita dei giornalisti è rivelare le notizie sui disordini politici che i governi tentano di sopprimere, questo è il caso verificatosi quest’anno in Etiopia e Bielorussia, dove il report testimonia un aumento significativo da un anno all’altro degli arresti, presumibilmente in seguito al recente incremento delle proteste e dei conflitti.

Dei 274 giornalisti in prigione, il 12% è stato arrestato per aver diffuso fake news, il 67% sarebbe in carcere per crimini contro lo Stato, mentre del 19% non sono stati neppure dichiarati i capi d’accusa.

 

Scrivi una replica

News

Premio Nobel per la Medicina 2022 allo svedese Svante Paabo

Il biologo svedese Svante Pääbo, 67 anni, ha ricevuto il premio Nobel per la Medicina 2022 «per le sue scoperte sul genoma degli ominini estinti…

3 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran, Khamenei: «Proteste organizzate dagli Stati Uniti»

I disordini in Iran sono stati «ideati e pianificati dagli Stati Uniti, dal falso e usurpatore regime sionista e dai loro seguaci». Così il leader…

3 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nel 2021-’22 in Europa la più grande epidemia di aviaria di sempre»

Circa 2.500 focolai, 47,5 milioni di volatili abbattuti negli allevamenti, oltre 3.500 casi negli uccelli selvatici. Questi numeri restituiscono la portata dell’epidemia di influenza aviaria…

3 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Sindaco Melitopol: «Forze russe hanno iniziato la mobilitazione forzata»

«Le forze russe hanno iniziato la mobilitazione forzata della popolazione locale nel distretto occupato di Melitopol, nella regione di Zaporizhzhia (sud), appena annessa alla Russia…

3 Ott 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia