L’anno «nero» dei giornalisti | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’anno «nero» dei giornalisti

Nel 2020 il numero di giornalisti in carcere sale a 274. Tra questi chi ha riportato notizie sui disordini nel proprio paese, ma anche chi ha raccontato il coronavirus

di Redazione

È stata condannata a quattro anni di carcere Zhang Zhan, ex avvocato diventata citizen journalist, che da febbraio si era trasferita a Whan e condivideva sui social i resoconti in diretta della crisi coronavirus dalla città focolaio. Arrestata a maggio, l’incriminazione affermava che la giornalista-blogger aveva inviato “false informazioni tramite testo, video e altri media attraverso mezzi quali WeChat, Twitter e YouTube”, mentre la sentenza, arrivata dopo un’udienza breve, ha motivato la colpevolezza per aver “raccolto litigi e provocato problemi”. Zhang è stata la prima ad avere un processo nel gruppo di quattro citizen journalist detenuti dall’inizio dell’anno per aver rendicontato e pubblicato gli eventi successi a Wuhan quando si parlava di una polmonite misteriosa.

Photo by Jana Shnipelson on Unsplash

Questi casi si vanno ad aggiungere ai 47 giornalisti che al 1° dicembre sono finiti in prigione a causa del loro lavoro. Secondo l’annuale report redatto dal Committee to Protect Journalists, la Cina è la prima nazione per giornalisti detenuti, ma non è la sola. In totale nel 2020 sono stati 274 i membri dei media che in tutto il mondo sono finiti in prigione a causa del loro lavoro, ed il numero non tiene conto di coloro che sono stati imprigionati e rilasciati.

Dopo la Cina, per maggior numero di giornalisti dietro le sbarre seguono la Turchia con 37 giornalisti incarcerati, l’Egitto dove sono 27, l’Arabia Saudita, paese in cui i media in prigione sono 24. Secondo i dati il 2020 è stato un anno nero per la stampa, con 23 arresti in più rispetto allo scorso anno. Il fatto scatenante dell’aumento è stato, come nel caso della citizen journalist cinese, il coronavirus. Molti dei giornalisti incarcerati sono stati accusati per aver denunciato la gestione della crisi sanitaria da parte delle autorità o aver reso pubbliche informazioni sulla situazione non rese disponibili dai governi, specialmente in Cina ed Egitto. Un’altra causa molto comune che mette a rischio la libertà e la vita dei giornalisti è rivelare le notizie sui disordini politici che i governi tentano di sopprimere, questo è il caso verificatosi quest’anno in Etiopia e Bielorussia, dove il report testimonia un aumento significativo da un anno all’altro degli arresti, presumibilmente in seguito al recente incremento delle proteste e dei conflitti.

Dei 274 giornalisti in prigione, il 12% è stato arrestato per aver diffuso fake news, il 67% sarebbe in carcere per crimini contro lo Stato, mentre del 19% non sono stati neppure dichiarati i capi d’accusa.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: l’Aifa dà il via libera all’utilizzo del vaccino Moderna per la fascia d’età tra i 12 e i 17 anni

La Commissione Tecnico Scientifica dell’AIFA, l’Agenzia italiana del Farmaco, ha dato il via libera all’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: a livello globale, i contagi hanno superato i 195,5 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 195.507.680. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo di mascherina per tutti i dipendenti della Casa Bianca

I dipendenti della Casa Bianca dovranno indossare nuovamente le mascherine all’interno dell’edificio e in tutta l’area circostante, per prevenire la diffusione del coronavirus. La decisione…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Sale la fiducia dei consumatori a luglio: 116,6. In crescita anche la fiducia delle imprese a 116,3”

“A luglio 2021 si stima un aumento sia dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (da 115,1 a 116,6) sia dell’indice composito del clima di…

28 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia