Scuole chiuse, la perdita di reddito per i futuri lavoratori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scuole chiuse, la perdita di reddito per i futuri lavoratori

Secondo uno studio britannico, la chiusura delle scuole dovuta alla pandemia comporterebbe una perdita, in termini di minori guadagni futuri, di circa 40 mila sterline

di Redazione

I costi sociali e le possibili conseguenze sugli studenti, sulla didattica e sull’apprendimento derivanti dalla chiusura delle scuole sono stati oggetto di analisi e discussioni per fornire, a livello non solo italiano, la miglior soluzione che potesse conciliare il contenimento dei contagi e le esigenze di apprendimento e normalità per i ragazzi. Molto si è discusso anche dei costi derivanti dall’uso maggiore di internet e ambiente domestico, e dei costi per i genitori – soprattutto per le mamme – costretti a rimanere a casa se i propri figli dovevano studiare in modalità a distanza.

Poco invece si è parlato delle possibili conseguenze economiche a lungo termine per gli studenti stessi. Secondo un’analisi elaborata dall’Istituto per gli Studi Fiscali, uno dei più prestigiosi think tank economici di Londra, la chiusura delle scuole dovuta alla pandemia comporterebbe una perdita, in termini di minori guadagni futuri, di circa 40 mila sterline – circa 45 mila euro – nel corso della vita lavorativa degli attuali studenti. Per il calcolo l’istituto prende in considerazione il totale di un guadagno durante un’intera vita lavorativa di un milione, che corrisponderebbe a circa 25 mila sterline l’anno per 40 anni attività, e stima che ogni anno di scuola completato aumenti il reddito futuro dell’8%, e quindi sei mesi di lezione in meno rappresenterebbero circa 40 mila sterline.

Il costo economico nel lungo periodo non sarebbe però solo dei singoli studenti, ma anche dello Stato, poiché l’Istituto sottolinea che le 40 mila sterline non guadagnate, moltiplicate per il totale degli studenti britannici, equivale ad un totale di 350 miliardi di mancati guadagni, che a loro volta si tradurrebbero in mancate tasse per lo Stato pari a 100 miliardi.

Uno studio che si muove nella stessa direzione, che quindi mette in relazione gli anni di studio, in questo caso persi, e la redditività futura, è stato proposto anche dalla Banca Mondiale che a giugno stimava che causa pandemia, gli studenti avrebbero potuto perdere fino ad un anno di scuola. In questo scenario, secondo la Banca Mondiale, le conseguenze economiche potrebbero tradursi in perdite di reddito per gli studenti futuri lavoratori tra i 350 e i 1400 dollari all’anno per ciascun alunno penalizzato, che corrisponderebbe in media al 5 per cento del reddito annuale.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia