La “geografia” del salario minimo in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

La “geografia” del salario minimo in Europa

In 21 dei 27 Stati dell’UE è previsto un salario minimo legale, che varia dai 332 euro previsti in Bulgaria ai 2.200 in Lussemburgo

di Redazione

In tutta l’Unione europea solo 21 paesi dei 27 Stati membri prevedono un salario minimo nazionale per legge. L’Eurostat suddivide questi paesi che al primo gennaio 2021 prevedevano un salario minimo nazionale – prima dell’applicazione di tasse ed eventuali contributi – in tre macro gruppi, in base all’entità monetaria garantita. Il primo gruppo, formato dai paesi dell’Est Europa, prevede salari minimi inferiori a 650 euro al mese, e comprende dalla Bulgaria in cui il minimo salariale è di 332 euro, alla Lituania, dove arriva a 642, ma il minimo legale è diverso in Ungheria, 442, Romania, 458, Lettonia, 500, Croazia, 563, Repubblica Ceca, 579, Estonia, 584, Polonia e Slovacchia dove il salario aumenta a rispettivamente 614 e 623 euro. Nel secondo gruppo di paesi il salario minimo è compreso tra 700 e 1500 euro mensili, e ne fanno parte: Grecia, 758, Portogallo, 776, Malta, 785, Slovenia, 1.024, e Spagna dove arriva a 1.108 euro.

I restanti sei paesi, in cui il salario minimo è sopra i 1500 euro sono la Francia, dove è di 1.555, Germania, 1.614, Belgio, 1.626, Paesi Bassi, 1.685, Irlanda 1.724, ed infine il Lussemburgo dove il salario minimo previsto è di 2.202 euro.

La differenza tra i paesi è notevole, il salario minimo in Lussemburgo è 6,6 volte maggiore di quello in Bulgaria, e la differenza tra paesi, rimane anche eliminando le differenze di prezzo, anche se in questo caso, il gap tra i due salari nazionali estremi scende a 2,7 volte. Sarebbe più corretto, però, calcolare il salario minimo nazionale in termini relativi, rispetto al guadagno mediano del paese stesso. In questo modo, secondo i dati dell’Eurostat, soltanto quattro paesi mostrano di avere un salario minimo pari almeno al 60% della retribuzione mensile lorda mediana, e sono Francia, Portogallo, Slovenia e Romania.

L’Italia rientra, insieme a Danimarca, Svezia, Finlandia, Cipro e Austria, tra i sei paesi che l’Eurostat classifica come non aventi un salario minino legale, perché in questi stati il minimo non è affidato alla legge, ma alla contrattazione collettiva, non è perciò universale – in quanto applicabile a tutti i lavoratori – ma settoriale, in base all’attività svolta.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Paolo Figliuolo nominato Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

«Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19». Lo rende noto…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, ex presidente Sarkozy condannato a tre anni

L’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, è stato condannato oggi a tre anni, di cui due con la condizionale, per lo scandalo delle intercettazioni. Tra le…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

È morto l’ex segretario generale della Uil, Pietro Larizza

Il segretario generale della Uil dal 1992 al 2000, Pietro Larizza, è morto all’età di 85 anni. Lo ha reso noto il sindacato attraverso una…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Birmania, due nuove accuse contro San Suu Kyi

Violazione delle legge sulla comunicazione e incitamento al disordine pubblico. Queste sono le due nuove accuse rivolte alla leader birmana deposta dal colpo di stato…

1 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia