Coronavirus, il 65% degli italiani vuole vaccinarsi appena possibile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Coronavirus, il 65% degli italiani vuole vaccinarsi appena possibile

Ad oggi, in Italia, 3,3 milioni di persone hanno ricevuto una dose di vaccino. Un sondaggio Agenas-Scuola superiore di Sant’Anna di Pisa rivela quanti italiani vorrebbero riceverlo il prima possibile

di Redazione

I vaccini rappresentano uno strumento fondamentale, nella lotta alla diffusione del coronavirus: tante più persone sono vaccinate, minori sono le probabilità di contagio. Ogni Paese ha avviato una campagna vaccinale. Alcuni hanno raggiunto buoni risultati nell’arco di poche settimane – è il caso di Israele, dove una porzione consistente della popolazione ha già ricevuto entrambe le dosi di vaccino: circa 2,8 milioni di persone, pari al 30,2% del totale degli abitanti –, altri stanno incontrando qualche difficoltà. In Italia, invece, a che punto siamo? E, soprattutto, quanti sono gli italiani disposti a vaccinarsi, considerando che alcuni hanno espresso dubbi sull’effettiva efficacia dei vaccini, nonostante le evidenze scientifiche che sostengono il contrario?

In Italia, sono tre i vaccini che hanno ottenuto il via libera delle autorità sanitarie. Quelli realizzati da Moderna, Pfizer-BioNTech e AstraZeneca. Gli ultimi due fornitori hanno distribuito un maggior numero di dosi rispetto a Moderna, ferma a 244mila, per un totale complessivo di 4.075.870. Solo una parte, tuttavia, è stata somministrata, perlopiù ad alcune categorie, quelle considerate maggiormente a rischio, come previsto nella fase iniziale del piano vaccinale: operatori sanitari e sociosanitari, ospiti delle RSA, persone con più di 80 anni. Dopo sarà il turno del resto della popolazione. Secondo i dati contenuti nel Report Vaccini Anti COVID-19, aggiornati alle ore 8 del 19 febbraio, le somministrazioni sono state circa 3,3 milioni. Le persone, però, a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose sono 1.317.200.

Veniamo, adesso, alla seconda domanda: quanti italiani sono disposti a vaccinarsi? Un sondaggio realizzato dall’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, e dalla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa ha provato a dare una risposta, sottolineando che il 69,4% degli italiani considera il vaccino lo strumento più veloce per consentire un ritorno alla normalità. Secondo la rilevazione, che ha coinvolto 12.322 italiani residenti in tutte le regioni del Paese, il 65,2% intende vaccinarsi appena possibile (una percentuale che raggiunge il 75,4% tra gli over 65 mentre crolla al 22,2% tra chi ha tra i 35 e i 44 anni). Il 17% del campione ha dichiarato invece che non vuole vaccinarsi. Una quota analoga ha confessato di essere indecisa.

Chi ha condotto il sondaggio sottolinea che una campagna informativa potrebbe ampliare la platea di quanti sono disposti a vaccinarsi: il 75,7% del campione ha dichiarato che sarebbe incentivato a vaccinarsi se ritenesse di essere correttamente informato sui rischi della vaccinazione contro il Covid-19 mentre solo il 7,1% non crede di poter cambiare idea.

Ad oggi, ad un anno di distanza dall’inizio dell’emergenza sanitaria – il bilancio curato dalla Johns Hopkins University, che monitora l’andamento globale della pandemia, riferisce che in Italia ci sono stati oltre 2,7 milioni di contagiati e circa 95mila persone sono morte con Covid-19 –, il 15,3% pensa che i rischi legati alla malattia siano maggiori dei possibili effetti collaterali del vaccino. Il 62,8% sostiene il contrario.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, la Commissione Ue firma accordo per fornitura di Novavax

La Commissione europea ha reso noto di aver firmato un accordo per la forinntura di cento milioni di dosi, più 100 milioni come opzione aggiuntiva,…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice PMI composito a 60.2 punti

L’attività economica dell’Eurozona è aumentata al tasso più veloce in poco più di 15 anni durante il mese di luglio, con una forte crescita della…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coldiretti: incendi triplicati nell’estate 2021. Danni per milioni di euro

Grandi incendi triplicati in Italia (+203%) nell’estate 2021 con danni per milioni di euro all’ambiente, all’economia, al lavoro e al turismo. E’ quanto emerge dall’analisi…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il controllo dei NAS negli stabilimenti balneari: irregolarità nel 29% dei casi

Con l’avvio della stagione turistica estiva, i Carabinieri dei NAS, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno realizzato una campagna di controlli negli stabilimenti balneari e…

4 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia