Così la felicità nel mondo nel 2020 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così la felicità nel mondo nel 2020

Nonostante l’anno di pandemia, secondo il Global Happiness i valori restano pressoché analoghi a quelli dell’anno precedente. La Cina è al primo posto, seguono i Paesi Bassi. Italia 16esima

di Redazione

La Cina è al primo posto, seguono Paesi Bassi e Arabia Saudita. L’Italia è al sedicesimo posto. È la classifica dei paesi più felici, secondo il Global Happiness 2020 di Ipsos che ha analizzato il livello di felicità dei cittadini in 27 paesi del mondo. L’aspetto forse più sorprendente è che, nonostante un anno di pandemia, il 63% dichiara di essere felice, un dato pressoché invariato rispetto allo scorso anno. 

In Cina è addirittura il 93% a dichiararsi felice (in aumento di 11 punti rispetto allo scorso anno), nei Paesi Bassi è l’87% e in Arabia Saudita è l’80%. Canada e Australia, che erano i paesi leader dello scorso anno, registrano un calo notevole: il Canada con il 78% scende al quarto posto e l’Australia con il 77% scende al sesto posto. Diminuzioni si registrano anche in Perù (in calo di 26 punti rispetto allo scorso anno al 32%), Cile e Messico. Mentre l’Italia, dicevamo all’inizio, non rientra tra i paesi più felici al mondo, posizionandosi al 16esimo posto. Nonostante ciò, rispetto allo scorso anno, il livello di felicità dei cittadini è aumentato passando dal 57% al 62%.

Tuttavia è opportuno precisare che solo il 5% degli italiani si dichiara “molto felice”, senza riserve. La maggioranza, il 57%, si descrive piuttosto come “abbastanza felice”, mentre più di un terzo degli italiani è scontento (31% poco felice e 7% non lo è per niente). 

“Avere un lavoro significativo/che dia senso all’esistenza”, la salute – che resta saldamente al primo posto –, relazione con il partner, con i figli e senso della vita sono le voci che hanno registrato in Italia incrementi significativi tra gli indicatori. Tra le fonti di felicità “avere più soldi”, si attesta in Italia, al 43%, poco sopra la media globale.

In generale, nel corso dell’ultimo decennio, l’incidenza della felicità è diminuita drasticamente. Tra il 2011 e il 2020, la percentuale di coloro che si dichiarano felici è diminuita di 14 punti a livello globale e l’unico paese che mostra un aumento significativo dal 2011 è la Cina (+15 punti).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Draghi: «Possiamo guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia»

«Si può guardare al futuro con prudente ottimismo e fiducia». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sparatoria a Indianapoli: otto i morti

Sono almeno otto le vittime e quattro i feriti della sparatoria  in un deposito della FedEx vicino all’aeroporto internazionale di Indianapolis (Indiana). L’autore della strage,…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Merkel: “Situazione molto seria”

Purtroppo dobbiamo dire di nuovo: la situazione è seria e cioè molto seria. La terza ondata della pandemia la fa da padrone. Lo ha detto…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giovannini: “50miliardi per trasporti e infrastrutture: la metà saranno spesi per il Sud”

Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza ai trasporti e alle infrastrutture sono destinati 50 miliardi , di cui la metà al Sud. Lo…

16 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia