Così la felicità nel mondo nel 2020 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Così la felicità nel mondo nel 2020

Nonostante l’anno di pandemia, secondo il Global Happiness i valori restano pressoché analoghi a quelli dell’anno precedente. La Cina è al primo posto, seguono i Paesi Bassi. Italia 16esima

di Redazione

La Cina è al primo posto, seguono Paesi Bassi e Arabia Saudita. L’Italia è al sedicesimo posto. È la classifica dei paesi più felici, secondo il Global Happiness 2020 di Ipsos che ha analizzato il livello di felicità dei cittadini in 27 paesi del mondo. L’aspetto forse più sorprendente è che, nonostante un anno di pandemia, il 63% dichiara di essere felice, un dato pressoché invariato rispetto allo scorso anno. 

In Cina è addirittura il 93% a dichiararsi felice (in aumento di 11 punti rispetto allo scorso anno), nei Paesi Bassi è l’87% e in Arabia Saudita è l’80%. Canada e Australia, che erano i paesi leader dello scorso anno, registrano un calo notevole: il Canada con il 78% scende al quarto posto e l’Australia con il 77% scende al sesto posto. Diminuzioni si registrano anche in Perù (in calo di 26 punti rispetto allo scorso anno al 32%), Cile e Messico. Mentre l’Italia, dicevamo all’inizio, non rientra tra i paesi più felici al mondo, posizionandosi al 16esimo posto. Nonostante ciò, rispetto allo scorso anno, il livello di felicità dei cittadini è aumentato passando dal 57% al 62%.

Tuttavia è opportuno precisare che solo il 5% degli italiani si dichiara “molto felice”, senza riserve. La maggioranza, il 57%, si descrive piuttosto come “abbastanza felice”, mentre più di un terzo degli italiani è scontento (31% poco felice e 7% non lo è per niente). 

“Avere un lavoro significativo/che dia senso all’esistenza”, la salute – che resta saldamente al primo posto –, relazione con il partner, con i figli e senso della vita sono le voci che hanno registrato in Italia incrementi significativi tra gli indicatori. Tra le fonti di felicità “avere più soldi”, si attesta in Italia, al 43%, poco sopra la media globale.

In generale, nel corso dell’ultimo decennio, l’incidenza della felicità è diminuita drasticamente. Tra il 2011 e il 2020, la percentuale di coloro che si dichiarano felici è diminuita di 14 punti a livello globale e l’unico paese che mostra un aumento significativo dal 2011 è la Cina (+15 punti).

 

Scrivi una replica

News

Medvedev: «Russia ha il diritto di utilizzare armi nucleari se necessario»

«La Russia ha il diritto di utilizzare armi nucleari, se necessario, in base alla dottrina nucleare». Ad affermarlo, citato dalla Tass, è stato il vicepresidente…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spazio, la sonda Dart ha colpito l’asteroide Dimorphos

La sonda DART, Double Asteroid Redirection Test, della NASA, l’Agenzia spaziale statunitense, ha colpito nella notte Dimorphos, un piccolo asteroide distante 11 milioni di chilometri…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Italiani insoddisfatti della medicina territoriale»

Italiani poco soddisfatti della medicina territoriale. Lo rivela l’indagine della Fondazione Onda, “Esperienza e percezione degli italiani sulla medicina territoriale”, condotta in collaborazione con l’Istituto…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Cala l’export ad agosto, ma su base annua +22%»

«Ad agosto 2022 si stima, per l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27, una diminuzione congiunturale per entrambi i flussi, più ampia per le esportazioni…

27 Set 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia