Migliora l’economia dell’Eurozona, ma il quadro resta incerto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliora l’economia dell’Eurozona, ma il quadro resta incerto

Le imprese italiane, intanto, guardano al futuro con ottimismo. Secondo il quarto Rapporto Censis-Eudaimon, il post-pandemia sarà caratterizzato dalla corsa al recupero di fatturato

di Redazione

A marzo, l’economia dell’Eurozona è cresciuta ad un ritmo superiore alle attese. Lo rivelano gli indici PMI elaborati da IHS Markit. Determinante la performance del settore manifatturiero: l’indice PMI è cresciuto a 62,4 punti – contro i 57,7 punti previsti dagli analisti – dai 57,9 di febbraio. Si tratta del valore più alto da giugno 1997. Un appunto, prima di passare al dato relativo ai servizi: l’indice PMI è un indicatore macroeconomico fondamentale per comprendere l’andamento di un’economia perché tiene conto di molti fattori – nuovi ordini, consegne, scorte, produzione… – e, una volta calcolato, se il punteggio è superiore a 50 punti, ciò significa che l’economia sta attraversando una fase di espansione.

Per i servizi, penalizzati dalle misure restrittive che prevedono il distanziamento sociale, la crescita è stata più contenuta, con l’indice PMI passato da 45,7 a 48,8 punti. Anche in questo caso, comunque, le previsioni stimavano un aumento meno consistente, a 46 punti. Complici entrambi gli aumenti, il PMI composito ha raggiunto i 52,5 punti dai 48,8 precedenti – era atteso a 49,1 punti –, il valore più alto in otto mesi.

Secondo IHS Markit, complice l’andamento della pandemia e l’introduzione di nuove misure restrittive in diversi Paesi europei, le previsioni future sono in discesa.

Guardano invece al futuro con ottimismo la stragrande maggioranza delle imprese italiane. Secondo il quarto Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, realizzato con il contributo di Credem, Edison e Michelin, l’87% delle aziende italiane è ottimista, pronto alle sfide post-Covid. Discorso diverso per i lavoratori. In 9,4 milioni hanno espresso preoccupazione per il proprio posto di lavoro. Secondo il report, il post-pandemia sarà caratterizzato dalla corsa al recupero di fatturato, crollato a causa dell’emergenza sanitaria, e di quote di mercato (76%) e dalla sfida della transizione digitale (36,2%).

Per tornare ai livelli precedenti la crisi sanitaria, però, sarà necessario attendere il 2022. A stimarlo è l’Osservatorio Pulse della Crif, la Centrale rischi finanziari, che ha quantificato gli effetti della pandemia sulle imprese italiane. Nel 2020, il fatturato è diminuito dell’11,1%. Secondo Crif, quest’anno ci sarà un recupero del 7,5% e soltanto nel 2022 le imprese riusciranno a superare la crisi, registrando un fatturato superiore del 2,7% rispetto al 2019.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, von der Leyen: «Adattare immediatamente i vaccini alle nuove varianti»

«I contratti dell’Unione europea con i produttori affermano che i vaccini devono essere adattati immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono». Così la presidente…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky: «Pronti a escalation con Mosca»

Rischio di golpe tra l’1 e il 2 dicembre. E sullo sfondo uno scenario di guerra con la Russia. Questa è la sintesi delle dichiarazioni…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue elimina l’obbligo di autorizzazione all’export per i vaccini

“Dal primo gennaio 2022 i produttori di vaccini non saranno piu’ obbligati a chiedere l’autorizzazione per esportare i loro prodotti al di fuori dell’Ue”. Lo ha reso noto…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Portogallo a gennaio una settimana di contenimento

Stretta in Portogallo per contenere l’avanzata del coronavirus. Infatti, il governo ha stabilito una settimana di contenimento, dal 2 al 9 gennaio, durante la quale…

26 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia