Come sta la democrazia negli Stati Uniti e in Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come sta la democrazia negli Stati Uniti e in Europa

Secondo un’indagine del Pew Research Center condotta in Usa, Francia, Regno Unito e Germania molti cittadini ritengono necessarie riforme significative al loro sistema politico

di Redazione

Non ci sono solo la pandemia e i timori per la salute pubblica, o le sfide economiche dovute proprio alla crisi sanitaria, ma anche la politica è motivo di frustrazione per tante persone negli Stati Uniti e in Europa. A sostenerlo è uno studio del Pew Research Center, condotta in quattro nazioni a novembre e dicembre 2020. Come sta la democrazia, dunque? Dall’indagine emerge che circa due terzi degli adulti in Francia e negli Stati Uniti, nonché circa la metà nel Regno Unito, ritengono che il proprio sistema politico necessiti di grandi cambiamenti o debba essere completamente riformato. Le richieste di riforme significative sono meno frequenti in Germania, dove “appena” circa quattro cittadini su dieci esprimono tale opinione.

Photo by AJ Colores on Unsplash

Il Pew Research Center chiarisce che ci sono differenze importanti tra i sistemi politici di questi paesi, tuttavia sono quattro nazioni che condividono anche alcuni importanti principi democratici e tutte hanno recentemente sperimentato sconvolgimenti politici in modi diversi, dovuto a leader e movimenti populisti emergenti che hanno sfidato i partiti e i leader tradizionali.

Negli Stati Uniti, ad esempio, le preoccupazioni sulla corruzione politica sono particolarmente diffuse, con due americani su tre che concordano che la frase «la maggior parte dei politici sono corrotti» descriva bene il loro paese. La stessa cosa è sostenuta da quasi la metà in Francia e nel Regno Unito. I giovani, in particolare, tendono generalmente a vedere i politici come corrotti. E coloro che affermano che la maggior parte dei politici sono corrotti è molto più probabile che pensino che i loro sistemi politici abbiano bisogno di una riforma seria.

Poi c’è la convinzione che politica e mondo reale siano entità ormai scollegate del tutto. In Francia, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, circa la metà o più della metà degli intervistati afferma che gli eletti non si preoccupano di ciò che pensa la gente comune. Tuttavia, sia in Francia che in Germania, la quota di pubblico che crede che gli eletti si preoccupino di ciò che pensa la gente comune è aumentata dal 2018.

Dal 2017, i cittadini francesi e tedeschi hanno acquisito maggiore fiducia nel governo. In Francia, allora, solo il 20% riteneva di avere fiducia nel governo, ma la quota si attesta al 55% nel nuovo sondaggio. La fiducia è particolarmente alta tra i sostenitori del partito En Marche del presidente Emmanuel Macron, ma è cresciuta un po’ anche tra gli elettori di altri partiti. Allo stesso modo, la fiducia è aumentata tra i sostenitori dei partiti di destra, sinistra e centro in Germania. Anche nel Regno Unito la fiducia nel governo è leggermente aumentata, anche se è aumentata tra i sostenitori del partito conservatore del primo ministro Boris Johnson, ma è diminuita tra coloro che si identificano con il partito laburista.

Negli Stati Uniti, invece, il livello generale di fiducia nel governo è rimasto sostanzialmente invariato dal 2017, ma chi si fida del governo è cambiato sostanzialmente. Nel 2017, pochi mesi dopo che Donald Trump è stato eletto presidente, i repubblicani avevano più probabilità di fidarsi del governo rispetto ai democratici. Nell’attuale sondaggio, condotto a novembre e dicembre 2020 – dopo che i principali media avevano chiamato la vittoria dell’attuale presidente Joe Biden – sono i democratici a esprimere livelli di fiducia più elevati.

Ovviamente le risposte ora dipendono molto dalla gestione della crisi sanitaria. In Francia, Germania e Regno Unito, la fiducia nel governo tende ad essere più alta tra coloro che pensano che il loro paese abbia svolto un buon lavoro in questo senso. Ciò è vero soprattutto in Francia, dove l’80% di coloro che affermano che il paese sta gestendo bene la pandemia si fida del governo, rispetto al 27% di coloro che la pensano in modo contrario.  

La fiducia è poi collegata alle opinioni sull’economia. Le persone che pensano che l’economia nazionale sia attualmente in un buono stato di salute esprimono livelli più elevati di fiducia nel governo, così come coloro che credono di avere buone possibilità di migliorare il proprio tenore di vita.

In generale, per quanto riguarda il funzionamento della democrazia, mentre più della metà degli americani afferma di fidarsi del governo, meno della metà (45%) è soddisfatta del modo in cui la democrazia viene esercitata nel proprio paese (il sondaggio, viene precisato dal Pew Research Center, ha avuto luogo prima del violento assalto al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio da parte di sostenitori di Trump.) Al contrario, in Francia (55%) e nel Regno Unito (60%), così come otto tedeschi su dieci, si dicono soddisfatti di come funziona la democrazia nei rispettivi paesi.

 

Scrivi una replica

News

Recovery, Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi

“La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Campagna vaccinale è cruciale per la ripresa»

«Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà cruciale…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ocse: “L’Italia deve migliorare l’efficienza della pubblica amministrazione”

“La priorità essenziale per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Somalia, presidente firma legge su proroga del suo mandato

Mohamed Abdullahi Mohamed, presidente della Somalia, ha firmato una legge che proroga per altri due anni il suo mandato, scaduto l’8 febbraio.…

14 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia