Gli italiani e il lavoro dopo l’emergenza sanitaria | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e il lavoro dopo l’emergenza sanitaria

Per 7,5 milioni di lavoratori la crisi ha provocato una riduzione del reddito. Aumentano le preoccupazioni (e lo stress) per il futuro

di Redazione

Per 7,5 milioni di lavoratori la crisi sanitaria ha provocato una riduzione del reddito, con un conseguente problema a sostenere le spese quotidiane per oltre la metà delle famiglie italiane. È quanto emerge dalla ricerca Gli italiani e il lavoro dopo la grande emergenza, condotta dalla Fondazione studi consulenti del lavoro, presentata nel corso della prima giornata del Festival del lavoro, mercoledì 28 aprile. 

Secondo l’analisi ad oggi, tra cassa integrazione e sospensione delle attività, 1,8 milioni di occupati ancora non stanno lavorando, mentre oltre un milione di lavoratori è convinto che perderà la propria occupazione nell’arco dei prossimi mesi. In generale, sono 2,6 milioni i dipendenti che vedono a forte rischio il proprio futuro lavorativo sull’onda dello sblocco dei licenziamenti. Inoltre, il 32,5% degli occupati ha registrato un calo delle entrate. Nel 16,1% dei casi la diminuzione è stata tra il 10-30%, per il 10,8% superiore al 30%. 

E non è tutto. Tale scenario si traduce soprattutto in stanchezza e preoccupazione per il futuro, con stress e fatica percepiti in aumento dai lavoratori nell’ultimo anno. Non a caso, infatti, la maggioranza dei lavoratori afferma di preoccuparsi principalmente di salvaguardare il proprio lavoro (32,4%) e di recuperare una dimensione «più sostenibile» (28,8%).

Chi teme di più per il proprio futuro? I lavoratori a bassa qualificazione percepiscono maggiore il pericolo di stare indietro e “appena” il 53,6% ritiene di avere un profilo che possa essere spendibile sul mercato, o perché innovativo (27,7%) o perché molto specialistico (25,9%). Il 46% degli occupati, tuttavia, considera le proprie competenze inadeguate in quanto troppo generiche (24,1%) o obsolete (22,2%), rendendo più evidente il rischio di esclusione dal mercato del lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Nato: Consiglio Atlantico convocato a Bruxelles il 14 e 15 febbraio

Il Consiglio Atlantico è stato convocato a Bruxelles per il 14 e 15 febbraio prossimi per discutere della situazione in Ucraina. Ad annunciarlo è stata…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: Meta reintegra Trump su Facebook e Instagram

Dopo la svolta di Twitter, anche Meta ha deciso di reintegrare Donald Trump su Facebook e Instagram. Per due anni gli account dell’ex presidente degli…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Nel 2022, 122 omicidi su 310 avvenuti in Italia hanno avuto come vittima una donna»

Nel 2022 la metà degli omicidi «sono avvenuti nell’ambito dei rapporti familiari e affettivi e una parte molto consistente, 122 su 310, vede come vittima…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zelensky: «Ringraziamo i nostri alleati, ora serve essere rapidi per la fornitura dei nuovi carri armati»

«Ringrazio tutti i nostri alleati per la loro disponibilità a fornirci carri armati moderni e tanto necessari. La chiave ora è la velocità. La velocità di addestramento…

26 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia