Il turismo alla prova della ripartenza | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il turismo alla prova della ripartenza

Con il pass vaccinale l’Italia rilancia uno dei suoi settori strategici. Dopo la crisi del 2020 e il crollo dei consumi legati delle vacanze, primi segnali di risalita?

di Redazione

«È arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze in Italia, non vediamo l’ora di accogliervi di nuovo». Così il premier italiano, Mario Draghi – hanno riportato i principali giornali – si è rivolto ai ministri del Turismo del G20, riuniti per uno dei primi appuntamenti della presidenza italiana. L’obbligo di quarantena, per chi entra in Italia per turismo, non verrà rinnovato alla scadenza del 15 maggio e la mossa del governo dovrebbe anticipare la più estesa misura a livello europeo, il Green Pass UE che arriverà nella seconda metà del mese di giugno. 

Il turismo è stato uno dei settori più colpiti durante l’emergenza sanitaria, con ricadute particolarmente rovinose per l’economia italiana. Secondo la Coldiretti, il pass vaccinale salva il turismo in Italia «che ha già subito un buco di circa 53 miliardi nel 2020 per l’emergenza Covid con un terzo delle perdite che hanno colpito i consumi in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per l’acquisto di cibo di strada e souvenir delle vacanze». In questo scenario di difficoltà, aggiunge la Coldiretti nella sua analisi, l’annunciato arrivo per l’estate del passaporto vaccinale rappresenta una svolta per salvare un comparto strategico del paese che si compone di 612 mila imprese e rappresenta il 10,1% del sistema produttivo nazionale e il 12,6% dell’occupazione nazionale, secondo Unioncamere.

Inoltre, la spesa in vacanza per il cibo è scesa a 17,5 miliardi in calo del 58%, il minimo da almeno un decennio, anche se rimane la principale voce principale del budget delle famiglie italiane e straniere in viaggio. Un’assenza, dice Coldiretti, che ha pesato duramente sui 360 mila bar, ristoranti, pizzerie, pasticcerie e agriturismi presenti in Italia, costretti alla chiusura e alla limitazione dell’attività anche durante le festività.
Dunque, alla luce degli ultimi sviluppi, è lecito aspettarsi una risalita del settore già in estate.

Un altro elemento da considerare è il flusso negli aeroporti italiani. Ancora a marzo i passeggeri transitati negli aeroporti sono stati 1.607.506, con un calo del 22,8% rispetto al marzo 2020 e dell’88,5% rispetto al marzo 2019 secondo le statistiche mensili di Assaeroporti (che fanno riferimento anche al 2019, ultimo anno non influenzato dagli effetti dalla pandemia). In calo risultano anche i movimenti di aeromobili (-11,1% rispetto al 2020 e -70% rispetto al 2019). Nel complesso nei primi tre mesi dell’anno, per i passeggeri si osserva un crollo dell’82,1% rispetto al primo trimestre 2020 e dell’87,8% rispetto allo stesso periodo del 2019. Importante anche la flessione dei movimenti (-61,7% sul 2020 e -70,6% sul 2019).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello globale i contagi hanno superato i 178,8 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 178.870.559. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Pochi vaccini nei paesi più poveri»

Secondo il consigliere del direttore generale dell’Oms, Bruce Aylward, molti dei paesi più poveri che hanno ricevuto i vaccini anti-Covid-19 attraverso l’iniziativa Covax, che ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Corte di Giustizia: «YouTube non responsabile automaticamente delle violazioni del copyright»

YouTube – e piattaforme online simili – non devono essere considerate automaticamente responsabili della violazione del diritto d’autore commessa dagli utenti attraverso la pubblicazione di…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Speranza: «Fino a quando il numero dei morti non sarà zero, la battaglia resterà incompiuta»

«Fino a quando il numero delle morti per Covid non sarà ‘zero’ in tutte le Regioni italiane ci sarà ancora una battaglia incompiuta». Lo ha…

22 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia