Violenza sulle donne: richieste di aiuto in aumento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Violenza sulle donne: richieste di aiuto in aumento

La fase di lockdown si è rivelata molto critica, perché ha costretto le vittime alla convivenza forzata con gli autori delle violenze

di Redazione

Nel 2020 le chiamate al 1522 – il numero di pubblica utilità contro la violenza e lo stalking, attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, e accessibile gratuitamente – hanno registrato un’impennata rispetto all’anno precedente: su base annua, sono aumentate del 79,5%. Sia per telefono sia via chat. Lo rivela l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, sottolineando che le chiamate hanno iniziato a crescere in modo «esponenziale» a partire dal marzo del 2020 per poi proseguire ad aprile e a maggio, in questi ultimi due mesi gli incrementi sono stati rispettivamente del 176,9 e del 182,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

«La convivenza forzata durante la fase di lockdown – osserva l’Istat – ha rappresentato in alcuni casi il detonatore per l’esplosione di comportamenti violenti, in altri l’aggravante di situazioni che già precedentemente erano violente, che hanno spinto, anche in contesti internazionali, a parlare di una doppia pandemia: epidemiologica e di violenza».

Spesso gli autori delle violenza sono vicini alla vittima, familiari o i partner attuali, i primi sono i responsabili del 18,5% delle violenze registrate nel 2020, in aumento rispetto al 2019 (+18,5%), i secondi del 57,1%.

Nella maggior parte dei casi, la casa è il luogo dove avviene la violenza: dal 2013 al 2020, sottolinea l’ISTAT, il 75% delle vittime indica le mura domestiche come il luogo dove si consuma l’atto violento. La violenza è principalmente fisica (47,9%), ma quasi tutte le donne hanno subito più di una forma di violenza e tra queste emerge quella psicologica (50,5%).

Nel riferire i dati, l’ISTAT sottolinea che questi rivelano l’importanza delle campagne di sensibilizzazione: «Ciò che impatta di più sull’incremento delle chiamate è la commemorazione del 25 novembre (giornata mondiale contro la violenza sulle donne), che sembra agire sulle vittime come “effetto motivazionale” nella ricerca di un supporto esterno. In questa data, infatti, si amplia la platea di chi parla pubblicamente della violenza contro le donne, si moltiplicano le iniziative, si rende visibile ciò che durante l’anno non lo è».

Se sei vittima di violenza, puoi chiamare il 1522. Il numero è attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno ed è accessibile dall’intero territorio nazionale gratuitamente, sia da rete fissa che mobile. L’accoglienza è disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.

I «casi di violenza che rivestono carattere di emergenza» prevedono l’intervento delle forze dell’ordine.

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim: «Situazione alimentare tesa»

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha ammesso che la situazione alimentare nel paese è «tesa», secondo quanto riferito dai media statali. Secondo l’agenzia ufficiale Kcna,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Covid, Francia: anticipata la fine del coprifuoco: la misura verrà interrotta il 20 giugno

La Francia anticipa la fine del coprifuoco di dieci giorni, dalla fine del mese al 20 giugno. Ad annunciato, al termine del Consiglio dei ministri,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ue dà l’ok al ritorno dei turisti americani anche non vaccinati

L’Ue apre le porte ai turisti americani anche non vaccinati. Le limitazioni cadranno anche per altri 8 Paesi: Albania, Macedonia del Nord, Serbia, Libano, Taiwan,…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2020 cresce povertà assoluta, 5,6 mln, top da 2005”

“Nel 2020, sono in condizione di povertà assoluta poco più di due milioni di famiglie (7,7% del totale da 6,4% del 2019) e oltre 5,6…

16 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia