Nel 2020 crescono nell’UE le persone fuori dalla forza lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel 2020 crescono nell’UE le persone fuori dalla forza lavoro

L’Italia è il paese che presenta la percentuale più elevata. La tendenza è in rialzo sia per gli uomini che per le donne

di Redazione

Il mercato del lavoro ha registrato negli ultimi anni dei miglioramenti anche in termini di divari di genere, tuttavia restano evidenti le discrepanze tra la componente maschile e femminile, non si può escludere aggravate dalla più recente crisi sorta in relazione alla pandemia. Secondo i dati Eurostat, infatti, le donne continuano ad essere fuori dalla forza lavoro più degli uomini

In generale la percentuale di persone al di fuori della forza lavoro come (sul totale della popolazione in età lavorativa, cioè nella fascia di età 15-64 anni), ha registrato nell’Unione europea un calo più o meno costante, passando dal 32,3% nel 2002 al 26,6% nel 2019. Nel 2020, però, si è registrato di nuovo un aumento, seppur contenuto, dello 0,5%, attestandosi al 27,1%. Le persone al di fuori della forza lavoro sono per definizione coloro che non sono occupati né disoccupati, non sono disponibili o non cercano lavoro per una serie di motivi, ad esempio perché sono iscritti a un corso di istruzione, si prendono cura di un familiare, sono pensionati, oppure a causa di una malattia o disabilità. Si può individuare una “zona grigia”, che comprende le persone non alla ricerca attiva di un impiego perché sfiduciate dalle condizioni socioeconomiche in un dato momento. 

Come dicevamo, mentre la quota di donne e di uomini che si colloca al di fuori della forza lavoro ha mostrato un trend al ribasso durante il periodo 2002-2019, lo scorso anno si è registrata un’inversione di tendenza per entrambe le componenti. Per gli uomini, l’aumento (0,7%) è stato il più alto registrato dall’inizio della serie. Per quanto riguarda le donne l’incremento è stato di 0,4 punti percentuali, ma si è trattato del primo aumento dal 2002. Storicamente, la quota di donne al di fuori della forza lavoro è superiore a quella degli uomini, tuttavia il divario nell’UE era diminuito proprio a partire dal 2002 – quando era di 16,7 punti percentuali –, raggiungendo il punto più basso nel 2020 (10,7 punti percentuali).

Fonte

Nel 2020, è l’Italia (35,9%)  il paese che presenta la percentuale più elevata di persone al di fuori della forza lavoro rispetto alla popolazione totale in età lavorativa. Seguono la Croazia (32,9%), la Grecia (32,6%), il Belgio (31,4%) e la Romania (30,8%). Al contrario, le percentuali più basse si osservano in Svezia (17,5%), Paesi Bassi (19,1%), Estonia (20,7%), Germania (20,8%) e Danimarca (21%). Rispetto al 2019, i maggiori incrementi su base annua si registrano in Spagna e Italia (+1,6%), Irlanda (+1,4%), Portogallo (+1,2%) , Bulgaria e Grecia (+1%).

Fonte

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Oms-Ecdc: «Variante Delta dominante in gran parte dell’Europa»

La variante Delta della Sars-CoV-2 «si sta diffondendo rapidamente in tutta Europa ed è ora diventata il ceppo dominante in gran parte della regione». Lo sostengono…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia, l’indice Rt sopra quota 1 per la prima volta dal 26 marzo

In Italia, l’indice Rt si è attestato a 1,26, in crescita rispetto allo 0,91 della scorsa settimana. È quanto emerge dalla cabina di regia per…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 192,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 192.735.392. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Xi Jinping in Tibet promette «una nuova era»

«Una nuova era» e «un nuovo capitolo di stabilità duratura e di sviluppo di alta qualità per la regione»: è quanto ha voluto assicurare il…

23 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia