L’ONU lancia l’allarme sui cambiamenti climatici | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’ONU lancia l’allarme sui cambiamenti climatici

Come ricorda il rapporto “Climate Change 2021: the Physical Science Basis” dell’IPCC, la soglia di riscaldamento globale, concordata a livello internazionale, è di 1,5 gradi celsius e siamo già a 1,2 gradi. Per il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres il Rapporto deve «suonare come una campana a morto per il carbone e i combustibili fossili»

di Redazione

Parla di «codice rosso per l’umanità» il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, riferendosi all’allarme lanciato dal gruppo intergovernativo di scienziati del cambiamento climatico, l’IPCC. Secondo il Rapporto “Climate Change 2021: the Physical Science Basis”, nel 2019 le concentrazioni atmosferiche di anidride carbonica erano le più alte degli ultimi due milioni di anni mentre quelle dei principali gas serra, come metano e biossido di azoto, erano le più elevate degli ultimi 800.000 anni. Dalla ricerca emerge inoltre che negli ultimi 50 anni la temperatura della Terra è cresciuta a una velocità senza eguali negli ultimi duemila anni.

Il rapporto mostra poi che le emissioni di gas serra delle attività umane sono responsabili di circa 1,1°C di riscaldamento dal 1850-1900 e che, in media, nei prossimi 20 anni, la temperatura globale dovrebbe raggiungere o superare 1,5°C di riscaldamento. 

Il problema è che, mentre riduzioni forti e durature delle emissioni di Co2 e di altri gas serra limiterebbero il cambiamento climatico, mostrando benefici in tempi rapidi, per vedere le temperatura stabilizzarsi potrebbero volerci tra i 20 ed i 30 anni e le conseguenze potrebbero essere drastiche.

Il Rapporto, spiega Guterres, «deve suonare una campana a morto per il carbone e i combustibili fossili, prima che distruggano il nostro pianeta». «Senza profondi tagli alle emissioni causate da carbone e combustibili fossili – ha aggiunto -, l’obiettivo di un riscaldamento globale non superiore ai 1,5 gradi Celsius sarà rapidamente fuori portata». «L’odierno Rapporto – ha proseguito – è un codice rosso per l’umanità. I campanelli d’allarme sono assordanti e le prove sono inconfutabili».

La soglia di riscaldamento globale, concordata a livello internazionale, è di 1,5 gradi celsius ed è pericolosamente vicina, spiegano gli studiosi. «Siamo a rischio imminente di toccare 1,5 gradi nel breve termine. L’unico modo per evitare di superare questa soglia è intensificare con urgenza i nostri sforzi e perseguire la strada più ambiziosa. Dobbiamo agire con decisione ora per mantenere in vita 1,5». Ad oggi, stando al lavoro degli esperti dell’Ipcc, «siamo già a 1.2 gradi e in aumento. Il riscaldamento è accelerato negli ultimi decenni. Ogni frazione di grado conta. Le concentrazioni di gas serra sono a livelli record. I disastri meteorologici e climatici estremi stanno aumentando di frequenza e intensità».  

 

1 Commento per “L’ONU lancia l’allarme sui cambiamenti climatici”

  1. […] diffusa nello stesso giorno del rapporto IPCC mette in luce un quadro complessivamente positivo rispetto a 10 anni prima, con il 60,5% delle […]

Scrivi una replica

News

Ucraina, Mosca: «Attacco con un drone di Kiev nella regione russa di Kursk»

Un drone ucraino ha attaccato un aeroporto nella regione russa di Kursk, al confine con l’Ucraina. Lo ha reso noto il suo governatore dopo che…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indonesia, approvata la legge che vieta il sesso fuori dal matrimonio

 Il Parlamento indonesiano ha approvato degli emendamenti legislativi che vietano il sesso prematrimoniale e apportano altre modifiche significative al Codice penale del Paese. Gli atti…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fitch: «Tagliate stime del Pil mondiale: migliora l’Italia»

«Il mondo nel 2023 ‘rallenta’. Infatti il Pil a causa dell’intensificarsi della lotta all’inflazione da parte delle banche centrali e del deterioramento delle prospettive del…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stima Pil 2022 a +3,9%, frena però nel 2023: +0,4%»

«Il Pil italiano è atteso crescere a ritmi ancora sostenuti nel 2022 (+3,9%) per poi rallentare significativamente nel 2023 (+0,4%). Nel biennio di previsione, l’aumento…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia