Istat: “Sono oltre 430mila le imprese che svolgono attività principale nel settore agricolo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Sono oltre 430mila le imprese che svolgono attività principale nel settore agricolo”

“Nel 2019, sono oltre 403mila le imprese che svolgono attività principale nel settore agricolo e l’83% (335mila) di esse è costituito da imprese individuali. Rispetto al 2018, si ha una diminuzione in termini di unità di circa il 3%, diminuzione che si fa meno marcata in termini di Superfice agricola utilizzata (Sau), 0,64%; le regioni dove si hanno variazioni negative più significative in termini di Sau tra i due anni di riferimento risultano essere la Valle d’Aosta (-22%) e l’Abruzzo (-21%), mentre in Veneto e in Liguria si hanno variazioni più marcate in termini positivi, con valori di circa il 15% (sempre in termini di Sau) in entrambi i casi, nonostante una riduzione della numerosità in Liguria (circa il -5%) e una sostanziale stabilità in Veneto (-0,4%). Con una dimensione media di circa 2 addetti, Puglia (12%), Veneto (10,7%) e Sicilia (10,3%) sono le tre regioni con il numero maggiore di Imprese agricole. Il 93,6% (circa 377mila) delle imprese ha una azienda agricola associata, specializzata in coltivazioni e/o allevamenti, con una dimensione media di 21,75 ettari per azienda nel 2019, sostanzialmente invariata rispetto al 2018 (21,02 ettari per azienda). In termini di specializzazione produttiva, le imprese agricole specializzate nelle colture permanenti rappresentano quasi un terzo della totalità presente sul territorio (33,7%), seguite dalle imprese specializzate nei seminativi (28,2%). Le imprese specializzate in allevamenti rappresentano il 15,2% sul totale, dato dalla somma del 13,5% degli erbivori e dell’1,7% dei granivori; le imprese con policoltura, caratterizzate dalla non specializzazione in nessuna delle attività vegetali, sono invece il 7,7% rispetto al totale. In termini di Dimensione Economica, le imprese agricole specializzate nelle colture permanenti hanno il 19,8% di Produzione standard, mentre circa il 40,9% della Produzione standard è concentrato nelle imprese specializzate in allevamenti (somma del 16,9% delle imprese specializzate in erbivori e del 24% di quelle specializzate in granivori). Questo dimostra che l’incidenza economica – in termini di Produzione standard per ettaro e/o capo allevato – degli allevamenti è superiore a quella di ciascuna delle attività vegetali (seminativi, ortofloricoltura e colture permanenti). Da notare l’elevata concentrazione di Produzione standard nelle aziende specializzate in granivori (suidi e pollame), nonostante la ridotta numerosità, a causa dell’alto valore dello Standard Output in tutte le regioni relativo a queste specie. La Liguria è la regione che “distribuisce” di più la sua attività (in termini di Sau) in regioni diverse rispetto alla propria sede amministrativa, in particolare “solo” il 74% della Sau è concentrata nella stessa regione, il resto è distribuito tra Nord-est (17% circa) e il resto delle altre ripartizioni geografiche; al contrario, sia la Sicilia che la Sardegna, hanno il 99% della Sau concentrata all’interno della stessa regione della sede amministrativa”. Lo ha reso noto l’ISTAT nel comunicato sulle imprese agricole in Italia nel registro Asia. 

 

1 Commento per “Istat: “Sono oltre 430mila le imprese che svolgono attività principale nel settore agricolo””

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia