Imprese: le micro unità producono un terzo del valore aggiunto nazionale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese: le micro unità producono un terzo del valore aggiunto nazionale

Report dell’Istat: il 41,5% del valore aggiunto prodotto dalle unità locali è concentrato nell’1% dei comuni

di Redazione

La distribuzione territoriale del valore aggiunto generato dal complesso delle unità locali delle imprese industriali e dei servizi resta sostanzialmente stabile nel 2019 rispetto all’anno precedente. Si conferma al primo posto il Nord-ovest con un contributo pari al 37%, seguito da Nord-est (25,5%), Centro (20,8%) e Mezzogiorno (16,8%). Nel 2019 l’ulteriore rallentamento della crescita annuale del valore aggiunto (+2,4% contro +3,4% e

+3,9% dei due anni precedenti) è riconducibile a livello territoriale ai risultati del Nord-ovest (+0,3%) e del Nord-est (+2,3%) dove il tasso di crescita è stato inferiore rispetto al 2018 (rispettivamente +3,6% e +3,8%). Mezzogiorno (+5,1%) e Centro (+4,4%) crescono di più rispetto all’anno precedente (+2,9% e +3%). Così l’Istat nel report Risultati economici delle imprese e delle multinazionali a livello territoriale  in riferimento all’anno 2019.

In termini di incidenza dei macrosettori, prosegue l’Istat,  il Nord-ovest perde peso sia nell’industria (-0,7 punti percentuali rispetto al peso del 2018) sia nei servizi (-0,9), in favore del Centro (+0,4 in entrambi i macrosettori) e del Mezzogiorno (+0,4 e +0,5). Stabile il peso del Nord-est. Il 31,9% del valore aggiunto nel 2019 è prodotto da unità locali di dimensioni micro (0-9 addetti), che in termini di numero di unità rappresentano oltre il 90% del totale nazionale. Il 27,1% del valore aggiunto è prodotto da unità locali di piccole dimensioni (10-49 addetti), il 24,2% da realtà di medie dimensioni (50-249 addetti) e il 16,8% dalle grandi (250 addetti e oltre).

Rispetto al 2018, il peso economico delle unità locali micro registra a livello regionale un calo diffuso (-0,8 punti percentuali a livello nazionale). Fanno eccezione il Piemonte, la Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste e la Basilicata. Tuttavia le micro unità locali continuano a generare la porzione più elevata di valore aggiunto in quasi tutte le regioni. In Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia-Giulia e Lombardia il peso sia delle micro che delle piccole unità locali è pressoché identico (circa il 30% in entrambi gli aggregati), mentre prevalgono in modo marcato nel Mezzogiorno, in particolare in Calabria (49,4%), Sicilia (45,4%) e Sardegna (44,8%). 

Più contenuto, ma comunque superiore alla media nazionale la quota di Abruzzo (35,6%) e Campania (38,8%). Il 41,5% del valore aggiunto nel 2019 è concentrato nell’1% dei comuni. Tale quota include 80 comuni che rappresentano il 26,9% della popolazione nazionale: si tratta prevalentemente di zone densamente popolate (64 comuni) e zone a densità intermedia di popolazione (16 comuni mediamente popolati).

Nel complesso questi comuni fanno parte sia di sistemi locali urbani o turistici (49) sia di sistemi manifatturieri. Includono 57 comuni capoluogo di provincia, 16 dei quali sono anche capoluoghi di regione. Rispetto al 2018 ci sono tre nuove entrate: Pozzuoli (al 62esimo posto), Frosinone (77esimo) e Modugno (78esimo) che prendono il posto di Cernusco sul Naviglio (sceso all’88esima posizione), in provincia di Milano, Carpi (all’86esima) e Fiorano Modenese (alla 91esima).

 

1 Commento per “Imprese: le micro unità producono un terzo del valore aggiunto nazionale”

Leave a Reply to 1sanguinary

News

Manovra, Mattarella ha firmato la legge di Bilancio

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato la legge di Bilancio. Adesso il testo, varato dal Consiglio dei ministri la scorsa settimana, può essere…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, l’88% dei consumatori italiani preferisce acquisti multicanale

«L’88% dei consumatori italiani ha adottato un approccio multicanale nel 2021, utilizzando quindi online e offline e nell’alimentare, sono passati dal 6% al 21% gli…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Onu: «Sono almeno 6.655 i civili che hanno perso la vita da inizio guerra»

Almeno 6.655 civili sono morti e altri 10.368 sono rimasti feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa: lo ha reso noto l’Onu, come riporta il Kyiv…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Casa Bianca: «Putin cerca di mettere in ginocchio gli ucraini colpendo le infrastrutture»

«E’ assolutamente spregevole quello che Putin sta facendo: sta cercando di mettere gli ucraini in ginocchio colpendo le infrastrutture civili che garantiscano alla gente quello…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia