Scuola: l’anno scorso in presenza il 72% della didattica | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scuola: l’anno scorso in presenza il 72% della didattica

Lo rivela un rapporto dell’Indire sull’impatto della pandemia sulle pratiche didattiche e organizzative delle scuole italiane

di Redazione

Un rapporto dell’Indire – l’Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa del Ministero dell’Istruzione – ha tracciato un bilancio dello scorso anno scolastico cercando di capire l’«impatto della pandemia sulle pratiche didattiche e organizzative delle scuole italiane», analizzando l’andamento della didattica influenzata inevitabilmente dall’evolversi della situazione epidemiologica nel Paese.

Interessanti i risultati. Durante lo scorso anno scolastico – il primo, dopo il lockdown generalizzato che aveva costretto le scuole ad adottare la didattica a distanza come unica modalità di insegnamento –, c’è stato un parziale ritorno alle lezioni in presenza nel rispetto delle misure anti-contagio: secondo lo studio, realizzato coinvolgendo un campione di 2.546 docenti (non di sostegno) assunti a tempo indeterminato, il 72,1% della didattica è stata svolta in presenza, seppur accompagnata comunque dalle lezioni ibride, da casa o alternate.

La maggior parte degli insegnanti interpellati ha sperimentato con frequenza la didattica a distanza (68,6%) mentre circa la metà ha optato per la didattica ibrida (48,2%) e quella alternata (45,2%).

La pandemia ha imposto dei cambiamenti. Ciò vale anche in ambito scolastico: la didattica a distanza è una prova evidente. Eppure il primato del libro di testo non sembra essere stato intaccato.

Nella scuola primaria, il 53,9% dei docenti l’ha utilizzato «sempre» e il 39,7% «spesso». Quote analoghe sono state rilevate tra gli insegnanti della scuola secondaria di primo grado – 49,3% «sempre», 38,5% «spesso» – e secondaria di secondo grado: 46,8% «sempre» e del 38,4% «spesso».

Non mancano comunque gli insegnanti che sfruttano le opportunità offerte dalla tecnologia. Specie tra i docenti della scuola primaria: oltre al libro di testo, tra le risorse didattiche usate dalla maggioranza di quest’ultimi, ci sono anche i contenuti digitali, espansioni digitali dei libri di testo, contenuti scansionati provenienti da altri libri di testo, contenuti digitali auto-prodotti per le lezioni, contenuti provenienti da fonti informali, contenuti provenienti da spunti educativi offerti da webinar o altre iniziative di formazione.

 

Scrivi una replica

News

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Debito pubblico sale a 2.755 miliardi, a marzo +19 miliardi»

Bankitalia ha reso noto che il debito pubblico italiano si è attestato a marzo a 2.755,4 miliardi in crescita di 18,9 miliardi rispetto al mese…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia