«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo

FdI in forte crescita. Cala la fiducia nel presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a pochi giorni dalla sua rielezione, giudicata «un buon segno» solo dal 22% del campione: i risultati dell’ultimo sondaggio Tecnè-Dire

di Redazione

Diminuisce la fiducia nel capo dello Stato, Sergio Mattarella, ad una manciata di giorni dalla sua rielezione alla presidenza della Repubblica, «segno dell’incapacità dei partiti», secondo sette italiani su dieci. È quanto emerge dall’ultimo Monitor Italia di Tecnè per l’Agenzia Dire, diffuso il 3 febbraio 2022. La fiducia nei confronti di Mattarella è al 71%, in diminuzione rispetto al 76% del 21 gennaio (-5%) e sui livelli di fine febbraio 2021.

Il borsino dei partiti

Consensi in aumento per Fratelli d’Italia che si conferma primo partito, adesso al 21,9% (+1,3%). Bene anche il Partito democratico (ora al 21,4%, +0,9%). Male la Lega in discesa al 17,1% (-1,4%). Il Movimento 5 stelle registra una contrazione dello 0,6%, collocandosi ora al 13,1%. Se si votasse oggi, inoltre, Forza Italia raccoglierebbe l’8,8% dei favori (-0,5%), l’area che comprende Azione e +Europa otterrebbe il 4,8% (-0,1%), Italia Viva il 2,8%, Sinistra italiana il 2,4%, i Verdi il 2,3%. Gli altri partiti raccoglierebbero il 5,4% delle preferenze. L’area dell’astensione/incerti si attesta al 42,4% (dichiara il voto il 57,6% del campione).

Il trend delle coalizioni

A livello di coalizioni, il centrosinistra accorcia sul centrodestra, sebbene la distanza sia ancora molto ampia. Quest’ultimo scende infatti al 49,6% (-0,5%), mentre il centrosinistra si attesta al 38,2%, registrando rispetto all’ultima rilevazione una crescita dello 0,4%.

La fiducia nel presidente del Consiglio e nel governo

Evidenzia un netto calo la fiducia degli italiani nel premier. L’indice di fiducia per Mario Draghi si attesta ora al 55,4% dal 57,4% del 21 gennaio (-2%). Peggiora anche l’indice di fiducia nei confronti del governo, in contrazione dello 0,6%, passando al 50,8% dal 51,4%.

La rielezione di Mattarella

Tecnè ha poi chiesto al campione un’opinione sulla rielezione di Sergio Mattarella alla presidenza della Repubblica. Sette italiani su dieci hanno sostenuto sia «segno dell’incapacità dei partiti». Per il 22% «è un buon segno». L’8% ha detto di non sapere.

NOTA METODOLOGICA

Campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica 
Estensione territoriale: intero territorio nazionale 
Interviste effettuate il 2 febbraio 2022 con metodo cati – cawi 
Margine di errore: 3,1% sull’intero campione 
Totale contatti: 6.938 (100%) – rispondenti: 1.000 (14,4%) – rifiuti/sostituzioni: 5.938 (85,6%)
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl 
Committente: Agenzia Dire 
Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

1 Commento per “«Monitor Italia», il consenso ai partiti e la fiducia nel governo”

  1. […] 3 febbraio 2022 sono state pubblicate sul sito internet dell’Agenzia Dire le nuove intenzioni di voto […]

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia