La tutela dell’ambiente e della biodiversità è stata introdotta nella Costituzione | T-Mag | il magazine di Tecnè

La tutela dell’ambiente e della biodiversità è stata introdotta nella Costituzione

La tutela dell’ambiente e della biodiversità è stata inserita nella Costituzione. Lo ha deciso il Parlamento, dopo il via libera di ieri della Camera all’ultima delle quattro letture del decreto, necessarie per modificare la Costituzione. Il dl prevede una modifica agli articoli 9 e 41: nel primo, in cui si precisa che «la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica», è stato aggiunto che «tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali». L’art. 41 dice che l’iniziativa economica è libera ma «non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana». A questi vengono aggiunti anche «alla salute, all’ambiente».

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia