Occupazione: gennaio-novembre 2021 saldo +980 mila contratti di lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Occupazione: gennaio-novembre 2021 saldo +980 mila contratti di lavoro

La variazione netta per i contratti a tempo indeterminato risulta positiva per 164.210 posti, mentre per quelli a termine è 497.467

di Redazione

Nei primi undici mesi del 2021 sono stati attivati oltre 6,6 milioni di rapporti di lavoro nel settore privato (escluso il lavoro agricolo e domestico) e ne sono cessati più di 5,6 milioni. La variazione netta sfiora quota un milione e si attesta a 980.922. È quanto emerge dall’Osservatorio Inps sul precariato. La variazione netta per i contratti a tempo indeterminato (assunzioni, più trasformazioni meno cessazioni) risulta positiva per 164.210 posti, mentre per quelli a termine è 497.467.

Il numero dei lavoratori impiegati con Contratti di Prestazione Occasionale (CPO) a novembre 2021 si attesta sulle 13.976 unità (in aumento del 20% rispetto allo stesso mese del 2020); l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 249 euro. I lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF) a novembre 2021 risultano 12.367, in diminuzione del 7% rispetto a novembre 2020; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 177 euro.

Rispetto al 2019 le assunzioni risultano diminuite complessivamente del 5%. Solo stagionali e in somministrazione risultano in incremento (sempre con riferimento all’intero periodo gennaio-novembre).

Le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato nei primi 11 mesi del 2021 sono state nel complesso 446.199, in flessione rispetto allo stesso periodo del 2020 (-4%). Nello stesso periodo le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo risultano essere aumentate del 19%. Le cessazioni sono state in complesso 5.634.597, in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+10%).

L’Osservatorio sulla Cassa integrazione guadagni del’Inps, invece, rileva che nel mese di gennaio 2022 sono state autorizzate 84,4 milioni di ore di cassa integrazione. Quelle autorizzate con causale “emergenza sanitaria Covid-19” sono state 50,3 milioni di ore: un decremento del 42% rispetto alle ore autorizzate a dicembre 2021.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden giovedì riceverà i leader di Svezia e Finlandia

«Il presidente americano Joe Biden riceverà giovedì alla Casa Bianca la premier svedese Magdalena Andersson e il presidente della Finlandia Sauli Niinisto». Lo lo ha reso…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Confindustria: «La scuola ritorni al centro delle riforme»

«Facciamo un appello al Ministro Bianchi e al Premier Draghi perché la scuola possa tornare al centro delle riforme. Dobbiamo e vogliamo ascoltare i ragazzi». Lo…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Export in aumento del 22,9% su base annuale. Import +38,8%. Calano le vendite alla Russia»

«A marzo 2022 si stima una crescita congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Ad aprile inflazione rallenta dello 0,1% su base mensile. Su base annuale +6%»

«Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione…

17 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia