Con la pandemia 178 mila decessi in più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Con la pandemia 178 mila decessi in più

Lo rendono noto l’ISTAT e l’ISS, sottolineando che l’impatto del Covid-19 è scemato all’aumentare della copertura vaccinale

di Redazione

Dallo scoppio della pandemia, nel marzo del 2020, al gennaio del 2022, l’eccesso di mortalità totale rispetto alla media 2015-2019 è stato di 178 mila decessi. Lo rende noto il settimo rapporto congiunto dell’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, e dell’ISS, l’Istituto superiore di Sanità, sottolineando che una grossa fetta delle morti in eccesso registrata nel 2021 è stata limitata al primo quadrimestre (82%), quando la copertura vaccinale era ancora molto bassa.

Il dato conferma così l’efficacia dei vaccini. Che, pur non rendendo immuni dalla malattia, proteggono dalle sue formi più gravi. Addirittura letali, a volte.

ISS e ISTAT spiegano che il Covid-19 è l’unica causa responsabile del decesso nel 23% dei casi, mentre nel 29% dei casi è presente una concausa oltre a Covid-19 e nel 48% si riscontra più di una causa.

Il 72% dell’eccesso mortalità del 2021, rispetto alla media degli anni 2015-2019, è stato registrato tra gli over 80. Complessivamente sono decedute 455.170 persone di 80 anni e oltre, vale a dire 46 mila in più rispetto alla media del quinquennio 2015-19.

Nel complesso, riferisce il report, «sono stati segnalati al Sistema di sorveglianza nazionale integrata Covid-19 dell’Iss 145.334 decessi associati alla diagnosi di infezione da Sars-CoV-2 e avvenuti entro il 31 gennaio 2022. Il 53% dei decessi è avvenuto nel 2020, il 41% nel 2021 (59.136 decessi di cui circa 8mila sono riferiti a diagnosi del 2020) e il 5,8% a gennaio 2022».

Oltre a quantificare l’impatto del Covid-19 sulla mortalità nel nostro Paese, il rapporto analizza anche gli effetti della variante Omicron, più contagiosa rispetto alle precedenti varianti. Secondo l’ISS e l’ISTAT, «dall’inizio dell’epidemia» in Italia, «sono stati segnalati al Sistema di sorveglianza integrato» dell’Istituto superiore di sanità «10.953.342 casi confermati di Covid-19 (dati estratti il 9 febbraio 2022). Di questi, oltre 4,5 milioni di casi sono stati diagnosticati nel mese di gennaio 2022 – pari al 42% del totale dei casi riportati alla Sorveglianza da inizio pandemia – a causa della predominanza della variante Omicron caratterizzata da una elevatissima trasmissibilità».

L’elevato numero di casi, dovuti alla variante Omicron, non ha avuto ripercussioni notevoli sulla mortalità: tra il 1° ottobre 2021-31 gennaio 2022 si registrano circa 250 mila decessi, 40 mila in meno rispetto a 12 mesi prima, con un calo di oltre il 13%».

 

Scrivi una replica

News

Putin: «Un paese come la Russia non si può isolare»

«In un mondo come quello contemporaneo, un paese come la Russia non si può mettere da parte, isolare, chi ci prova crea danni prima di…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: contagi in netto calo nell’ultima settimana

Contagi in netto calo, nell’ultima settimana. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento dell’emergenza sanitaria nel nostro Paese, sottolineando che risultano in…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaiolo delle scimmie, a livello mondiale confermati circa 220 casi

A livello mondiale, i casi confermati di vaiolo delle scimmie sono 219, perlopiù in Europa. Lo riferisce l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ddl Concorrenza: intesa raggiunta sulle concessioni balneari

Intesa raggiunta, alla fine. La maggioranza ha trovato un accordo sulle concessioni balneari, che avevano impantanato l’iter del ddl Concorrenza, un provvedimento che va approvato…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia