Lavoro: a marzo previste 359 mila assunzioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: a marzo previste 359 mila assunzioni

I contratti a tempo determinato la forma prevalente. Quadro di incertezza per le conseguenze della guerra in Ucraina e per crescita dei costi energetici

di Redazione

Sono 359 mila i lavoratori ricercati dalle imprese per il mese di marzo, 41 mila in più (+13%) rispetto a febbraio e 67 mila in più (22,9%) rispetto a un anno fa. Tiene dunque la domanda di lavoro, sebbene in un quadro di crescente incertezza per le conseguenze della guerra in Ucraina e la preoccupante crescita dei costi energetici e delle materie prime, fattori che stanno mettendo a forte rischio la ripresa economica. È quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal. Nelle previsioni delle imprese, si osserva, cresce ancora la difficoltà di reperimento. 

Si attesta infatti al 41,1% delle entrate programmate, in aumento di quasi nove punti percentuali rispetto a marzo 2021, quando erano difficili da reperire il 32,2% dei profili ricercati. 

L’industria ha programmato per il mese di marzo oltre 112 mila entrate, in crescita del 2,2% sia rispetto al mese scorso che all’anno precedente. Il manifatturiero registra 75 mila entrate (+2,3% sul mese e +5,9% sull’anno). A guidare, le industrie della meccatronica che ricercano 20 mila lavoratori (-1,8% sul mese e +12% sull’anno), seguite dalle industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo (18 mila, +5% sul mese e +8,4% sull’anno) e dalle industrie alimentari, bevande e tabacco (novemila, +5,5% sul mese e -6,4% sull’anno). Si mantiene elevata anche la domanda di lavoro proveniente dal comparto delle costruzioni con 37 mila assunzioni programmate (+1,9% sul mese e -4,6% sull’anno).

Sono invece oltre 246 mila i contratti di lavoro offerti dal settore dei servizi nel mese in corso (+18,8% sul mese scorso e +35,5% sull’anno). In testa per le opportunità di lavoro offerte i servizi di alloggio, ristorazione e servizi turistici con quasi 64 mila entrate programmate, il commercio (44 mila entrate) e i servizi alle persone (circa 40 mila).

I contratti a tempo determinato si confermano la forma contrattuale prevalente proposta con 184 mila profili ricercati, pari al 51,3% del totale. Seguono i contratti a tempo indeterminato (78 mila), i contratti di somministrazione (41 mila), gli altri contratti non alle dipendenze (24 mila), i contratti di apprendistato (16 mila), gli altri contratti delle dipendenze (10 mila) e i contratti di collaborazione (seimila).

Si attesta complessivamente al 41,1% la quota di assunzioni per cui le imprese dichiarano difficoltà di reperimento (8,8 punti percentuali in più rispetto allo scorso anno), che sale al 58,4% per gli operai specializzati, al 56,1% per i dirigenti, al 48% per le professioni tecniche e al 44,1% per le professioni intellettuali e scientifiche. La motivazione principalmente indicata dalle imprese è la mancanza di candidati che a marzo 2022 è stata espressa per il 24% dei profili ricercati a fronte del 16,6%, riscontrato invece a marzo dello scorso anno (7,4 punti percentuali in più). Seguono poi la preparazione non adeguata dei candidati (14,3% dei profili ricercati) e altri motivi (2,8%).

Le figure di più difficile reperimento sono Tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi (67,2%), Artigiani e operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni (67,1%), Fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori carpenteria metallica (65,8%), Tecnici informatici, telematici e delle telecomunicazioni (61,1%), Meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (61%).

A incontrare le maggiori difficoltà di reperimento sono le imprese delle regioni del Nord Est (sono difficili da reperire il 46,9% delle figure ricercate), seguite da quelle del Nord Ovest (41,2%), Sud e Isole (38,6%) e Centro (36,6%).

 

Scrivi una replica

News

Putin: «Un paese come la Russia non si può isolare»

«In un mondo come quello contemporaneo, un paese come la Russia non si può mettere da parte, isolare, chi ci prova crea danni prima di…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: contagi in netto calo nell’ultima settimana

Contagi in netto calo, nell’ultima settimana. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento dell’emergenza sanitaria nel nostro Paese, sottolineando che risultano in…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaiolo delle scimmie, a livello mondiale confermati circa 220 casi

A livello mondiale, i casi confermati di vaiolo delle scimmie sono 219, perlopiù in Europa. Lo riferisce l’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ddl Concorrenza: intesa raggiunta sulle concessioni balneari

Intesa raggiunta, alla fine. La maggioranza ha trovato un accordo sulle concessioni balneari, che avevano impantanato l’iter del ddl Concorrenza, un provvedimento che va approvato…

26 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia