Lavoro, lo squilibrio della spesa sociale in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, lo squilibrio della spesa sociale in Italia

Secondo l’Inapp la quota del PIL destinata ai servizi e alle misure di attivazione per i disoccupati è pari allo 0,2% contro il 16% assorbito dalla voce “vecchiaia e superstiti”

di Redazione

In Italia, nonostante la spesa per le prestazioni sociali sia superiore a quella della media europea, la quota destinata ai servizi e alle misure di attivazione per i disoccupati è piuttosto esigua, risultando un terzo di quella stanziata dagli altri paesi dell’UE, lasciando intravedere un maggior orientamento verso i trasferimenti monetari di natura previdenziale, anziché verso gli investimenti in materia di capitale umano e politiche attive del lavoro. 

È quanto emerso dai numeri presentati dall’Inapp, Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche, nel corso del convegno Lavoro, welfare e sicurezza sociale: le nuove sfide, in cui sono stati snocciolati i risultati di due Rapporti di ricerca frutto, rispettivamente, di una convenzione con l’Università Luiss Guido Carli – Sep e del progetto europeo Mospi.

Secondo gli ultimi dati dell’Eurostat, relativi al 2019, la spesa italiana per le prestazioni sociali si attesta al 28,3% del Prodotto Interno Lordo, contro il 26,9% della media europea, eppure solo lo 0,2% del PIL è destinato ai servizi e alle misure di attivazione per i disoccupati – mentre il livello nel resto d’Europa è pari allo 0,6% – contro il 16% del PIL assorbito dalla voce “vecchiaia e superstiti”.

Scomponendo invece la spesa sociale, si può osservare come la quota “vecchiaia e superstiti” ne rappresenti oltre la metà, con il 58,3% totale, a fronte del 28,6% rappresentato dalla componente “malattia/salute e invalidità”, del 3,9% di quella “famiglia/figli”, del 5,7% di quella relativa alla “disoccupazione” e del 3,5% destinato al “contrasto alla povertà ed esclusione sociale”.

Secondo l’Inapp, questo squilibrio tra la grande mole di trasferimenti monetari e la scarsità di investimenti sociali, sul mercato del lavoro si traduce in una bassa partecipazione femminile, ad un basso livello di occupazione a più alto valore aggiunto e ad una crescita del lavoro “fragile” e lavoratore “fragile” molto spesso significa lavoratore povero: il rischio di diventarlo è circa il doppio per i lavori part-time (15,8%) rispetto ai lavori a tempo pieno (7,8%) e circa tre volte maggiore per i lavoratori per un contratto temporaneo (16,2%) rispetto a quelli con contratti permanenti (5,8%).

 

Scrivi una replica

News

Visco: «Ok rialzo tassi dall’estate, ma in maniera graduale»

«Il rischio di deflazione è alle nostre spalle. Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Produzione nelle costruzioni ai massimi dal 2011 nel mese di marzo»

«A marzo 2022 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenti del 2,0% rispetto a febbraio 2022. Nella media del primo trimestre 2022, al…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nuove basi militari in risposta ad allargamento Nato»

«La Russia creerà nuove basi militari in risposta all’allargamento della Nato». Lo ha annunciato  il ministro della difesa russo Sergei Shoigu. Il Ministro ha evidenziato…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Von der Leyen: «Erogati 600milioni di euro di prestiti a Kiev»

«Oggi abbiamo erogato una nuova tranche di 600 milioni di euro di assistenza macrofinanziaria all’Ucraina. E arriverà: abbiamo proposto un prestito aggiuntivo di 9 miliardi…

20 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia