Turismo, gli italiani riprendono a viaggiare | T-Mag | il magazine di Tecnè

Turismo, gli italiani riprendono a viaggiare

La propensione al viaggio è tornata ai livelli pre-pandemici, nonostante alcuni fattori di incertezza (caro energia e inflazione), generando un po’ di ottimismo in un settore colpito duramente dall’emergenza sanitaria

di Redazione

Con l’allentamento delle misure restrittive e un parziale miglioramento dello situazione epidemiologica complessiva, dopo due anni di pandemia, tra gli italiani torna la voglia di viaggiare, sebbene alcuni fattori – l’inflazione e il caro energia – possono rappresentare un disincentivo molto forte per alcuni.

Photo by Marco Savastano on Unsplash

Secondo l’Osservatorio di Confturismo, pubblicato a fine aprile, l’indice di propensione al viaggio è tornato sui livelli pre-pandemici, a 67 punti (su una scala che va da 0 a 100), con 23 milioni di italiani tra i 18 e i 74 anni che intendono partire nel periodo estivo, prediligendo il mare (a seguire, la montagna, l’esperienza culturale, in città e luoghi d’arte, inclusi i piccoli borghi). Non tutti hanno già prenotato, però: lo hanno fatto soltanto 4 su 10.

In aumento anche il “raggio degli spostamenti”, che di norma è indice di una maggiore propensione alla spesa: l’85% degli italiani sceglierà mete nazionali, in 6 casi su 10 al di fuori della propria regione, mentre il restante 15% programma un viaggio all’estero che, per più di due terzi, sarà in Europa. Per la vacanza principale, quella di 7 giorni o più a destinazione, gli intervistati dichiarano che spenderanno in media 1.080 euro, che si riducono a poco più di 600 euro per i break di durata inferiore, da 3 a 7 giorni.

Il turismo rappresenta un comparto strategico per l’economia italiana, ma anche europea, e che non ha espresso ancora tutto il suo potenziale. Specialmente nel segmento di alta gamma.

Stando ad “High-end Tourism“, uno studio di Eccia – l’European Cultural and Creative Industries Alliance che raccoglie oltre 600 brand d’eccellenza e sei associazioni dell’alto di gamma europee –, la spesa quotidiana di un turista di alta gamma è otto volte maggiore a quella del turista medio.

Il turismo alto di gamma, che copre il 2% delle strutture ricettive, genera circa il 22% del fatturato turistico europeo totale e contribuisce a quasi il 22% della spesa in alloggi e fino al 33% della spesa destinata alla cultura, all’intrattenimento e allo shopping. Considerando tutti questi aspetti, lo studio sostiene che un piano per lo sviluppo del turismo di alta gamma in Europa potrebbe portare a una crescita del valore del settore fino a 520 miliardi di euro.

 

Scrivi una replica

News

Nato, Biden: «La Russia è una minaccia diretta, la Cina una sfida sistemica»

Per la NATO «la Russia è una minaccia diretta e la Cina è una sfida sistemica». Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, intervenendo…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «La Russia è aperta al dialogo»

«La Russia è aperta al dialogo sulla stabilità strategica mondiale, il disarmo e il commercio». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, in un…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Emergenza sanitaria, Fondazione Gimbe: «Impennata dei nuovi casi Covid»

«Prosegue l’impennata» di nuovi casi di Covid-19. Lo rende noto la Fondazione Gimbe, che monitora indipendentemente l’andamento della pandemia in Italia, sottolineando che nell’ultima settimana,…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità: l’epicentro si sta spostando verso il Centro Italia

Dopo gli ultimi rovesci, che pur non hanno risolto l’emergenza sul bacino padano, l’epicentro della siccità si sta spostando, estendendosi verso le regioni del Centro…

30 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia