Cuneo fiscale, quello dell’Italia è tra i più alti dell’area OCSE | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cuneo fiscale, quello dell’Italia è tra i più alti dell’area OCSE

I livelli maggiori di cuneo fiscale si sono registrati in Belgio (52,6%), in Germania (48,1%), in Austria (47,8%), in Francia (47,0%) e, appunto, in Italia (46,5%).

di Redazione

L’Italia è il quinto paese dell’area OSCE per il livello del cuneo fiscale e il quarto se si considerano le famiglie con figli. E questo nonostante nel 2021 si sia registrato un alleggerimento del peso del fisco sul lavoro, con una diminuzione della tassazione sui redditi da salari in Italia dello 0,4% rispetto all’anno precedente. È quanto emerge dalla scheda sull’Italia pubblicata con il rapporto Taxing Wages, secondo il quale nel nostro Paese il cuneo fiscale si è attestato al 46,5% nel 2021 (contro il 46,9% del 2020): oltre dieci punti percentuali in più rispetto alla media dell’area.

Come spiega l’OCSE il cuneo fiscale è «la differenza tra il costo del lavoro a carico del datore di lavoro e la corrispondente retribuzione netta a domicilio del dipendente. È calcolato come la somma dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e dei contributi previdenziali totali pagati da dipendenti e datori di lavoro, meno i benefici in denaro ricevuti, in proporzione al costo totale del lavoro per i datori di lavoro».

A livello OCSE, il cuneo fiscale per il lavoratore unico con un salario medio si è attestato al 34,6% nel 2021, diminuendo di 0,06 punti percentuali rispetto al 2020. Un risultato legato all’aumento registrato in 24 dei 38 paesi OCSE, alla diminuzione in 12 e alla stazionarietà in due. Aumenti superiori a un punto percentuale sono stati osservati in Israele (+1,02%), negli Stati Uniti (+1,20%) e in Finlandia (+1,33%). Al contrario, la diminuzione del cuneo fiscale per il lavoratore unico che percepisce la retribuzione media è stata superiore al punto percentuale in Australia (-1,25%), Lettonia (-1,73%), Grecia (-2,23%) e Repubblica Ceca (- 4,12%).

Osservando poi la classifica generale, i livelli maggiori di cuneo fiscale si sono registrati in Belgio (52,6%), in Germania (48,1%), in Austria (47,8%), in Francia (47,0%) e, appunto, in Italia (46,5%), mentre i livelli più bassi sono stati osservati in Colombia (dove il cuneo fiscale alla fine del 2021 era pari a “zero”), in Cile (7,0%) e Nuova Zelanda (19,4%).

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Il passo della normalizzazione dei tassi verrà fatto con gradualità»

«Vista l’incertezza che affrontiamo, il passo della normalizzazione dei tassi non può essere definito ex ante» ma verrà fatto con «gradualità e opzionalità». Lo ha…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia