Lavoro: i numeri (ancora) critici per donne e giovani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: i numeri (ancora) critici per donne e giovani

Dai soliti problemi (divari e salari bassi) ai nuovi stili di vita, così cambiano le dinamiche del mercato del lavoro italiano

di Redazione

I problemi del mercato del lavoro italiano sono pressoché noti, un quadro d’insieme che, nonostante i miglioramenti registrati negli ultimi anni – al netto, dunque, dei ritardi che si sono aggravati con la pandemia – mostra ancora le sue zone d’ombra. Soprattutto per donne e giovani

Analizzando i dati Istat relativi al 2021, infatti, si scopre che il divario di genere resta piuttosto ampio. Più di 17 punti, infatti, si distanzia il tasso di occupazione maschile (67,1%) da quello femminile (49,4%), a fronte di un valore complessivo che si attesta al 58,2%. In un modo quasi analogo, il tasso di disoccupazione è maggiore per la componente femminile (10,8%), mentre per gli uomini è all’8,9%, stavolta a fronte di un 9,7% totale. Sono addirittura 18 punti, invece, quelli che separano il tasso di inattività tra le donne (44,6%) e tra gli uomini (26,4%), quando nel complesso è al 35,5%. Inoltre, tra le donne occupate, il 73,9% risulta senza figli, ma la quota scende al 53,9% nel caso in cui abbiano almeno un figlio minore di sei anni. Un tema, quest’ultimo, ricorrente e da sempre non scevro da polemiche e dibattiti anche aspri. 

Per quanto riguarda i giovani, l’aspetto più negativo riguarda i Neet (i 15-29enni di che non sono occupati né in istruzione e formazione). Si tratta di uno degli argomenti presenti nel recente rapporto presentato dai Giovani Imprenditori di Confartigianato dal titolo 2022. Tocca a noi!. La distanza dei ragazzi italiani dal mondo del lavoro, viene spiegato a tale proposito, colloca il nostro paese al primo posto nella UE per la maggiore percentuale di Neet, pari al 23,1%, sul totale dei giovani tra 15 e 29 anni. La media europea si attesta, invece, al 13,1%. Ma c’è di più: nel 2020 abbiamo toccato il numero più alto nell’ultimo decennio di under 35 inattivi che non studiano e non sono disponibili a lavorare: ben 1.114.000.

Il periodo della pandemia è stato in qualche modo catalizzatore di nuovi trend. Il fenomeno delle dimissioni volontarie, ribattezzato Great Resignation, è uno di questi. I numeri italiani sono lontanissimi da quelli, decisamente più alti, statunitensi, ma si stima che nel nostro paese dimissioni di questo tipo siano ammontate già a due milioni. Le motivazioni possono essere molteplici, si va dalla ricerca di un impiego che permetta una maggiore fruizione del tempo libero alle prospettive di crescita personale e salti di carriera – soprattutto tra i giovani ultra-qualificati che si sentono stretti tra le maglie del “vecchio” lavoro –, dalle difficoltà di conciliare lavoro e vita familiare fino alle ruggini all’interno dell’ambiente lavorativo in cui, nei casi più gravi, non si è più disposti a scendere a compromessi. 

Chiaramente il salario è un aspetto fondamentale, capace spesso di motivare, da solo, le ragioni che possono spingere molti a lasciare il vecchio impiego (o a rifiutare determinate proposte), tanto più ora che diverse imprese lamentano serie difficoltà nel reperimento di risorse e collaboratori. Spesso è anche alla base delle scelte, non così inusuali prima della pandemia tra i giovani, di abbandonare l’Italia. Nel nostro paese i salari sono rimasti a lungo al palo. E secondo una rilevazione dell’Ocse, tra il 1990 e il 2020, mentre nella maggior parte dei paesi dell’Eurozona si sono osservati incrementi dei salari annuali medi, in Italia si è addirittura osservata una flessione del 2%. Un problema di non poco conto, che mina la qualità del nostro mercato del lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia