«Nel 2021 pene di morte in aumento, dopo una “pausa” dovuta alla pandemia» | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Nel 2021 pene di morte in aumento, dopo una “pausa” dovuta alla pandemia»

«Nel 2021 c’è stato un preoccupante aumento delle esecuzioni e delle condanne a morte in alcuni degli stati già più prolifici, i cui tribunali hanno ripreso a funzionare a pieno regime con la fine delle restrizioni dovute alla pandemia». Lo denuncia Amnesty International, diffondendo il Rapporto sulla pena di morte 2021. L’anno scorso, Amnesty International ha registrato «almeno 579 esecuzioni in 18 stati», perlopiù in Iran – almeno 314 condanne a morte per reati di droga, «una evidente violazione del diritto internazionale che proibisce l’uso della pena di morte per reati diversi dall’omicidio intenzionale» –, che ha contribuito moltissimo all’aumento (+20% rispetto al 2020). Si tratta sicuramente di un dato sottostimato: il report non tiene conto del numero di esecuzioni in Cina, Vietnam, Corea del Nord. Paesi che, ha ricordato Amnesty International, «hanno proseguito a tenere segreto l’uso della pena di morte ma, come sempre, quel poco che abbiamo visto ha suscitato grande allarme». In alcuni Paesi, la pena di morte è stata utilizzata come «strumento di repressione contro le minoranze e i manifestanti unita a un profondo disprezzo per le garanzie e le limitazioni previste dal diritto internazionale». Amnesty International cita esplicitamente il Myanmar, l’Iran, l’Egitto e l’Arabia Saudita.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia