Crisi energetica e conflitti internazionali, le preoccupazioni che affliggono gli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi energetica e conflitti internazionali, le preoccupazioni che affliggono gli italiani

L’84,3% esprime timori per la possibilità di un conflitto mondiale. Tra i pensieri dei cittadini ci sono anche l’insicurezza del lavoro e le conseguenze dell’emergenza sanitaria

di Redazione

I conflitti internazionali preoccupano un italiano su quattro (25,8%); il 19,2% è preoccupato dall’aumento dei costi di luce e gas, tra le conseguenze della crisi energetica. L’insicurezza del lavoro preoccupa il 14,3% degli italiani. L’emergenza sanitaria e le preoccupazioni legate alla salute turbano ancora il 14,3% del campione e il 7,4% che teme la possibilità di ammalarsi. La crisi climatica è fonte di preoccupazione nel 6,8% dei casi. La sicurezza della propria città/paese preoccupa il 3,8% e il 3,6% teme l’immigrazione. È quanto emerge dal Rapporto Italia 2022 dell’Eurispes, presentato nelle scorse ore. 

Crisi energetica e conflitti sono le eventualità che più ci fanno paura. L’84,3% degli italiani è preoccupato dalla possibilità di un conflitto mondiale. Ma la crisi energetica preoccupa anche di più: l’87,3% del campione sente questo problema più vicino e pressante. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia preoccupa l’83,2% degli italiani, mentre l’atteggiamento di alcuni paesi come Cina, Brasile e India verso l’emergenza climatica è fonte di ansie per il 75,7% dei cittadini. Meno preoccupante sembra essere l’espansionismo economico della Cina, che in ogni caso suscita la preoccupazione di più della metà del campione (56,1%). 

Considerando le fasce di età si trovano alcune differenze, il tema ambientale, ovvero l’atteggiamento di alcuni paesi rispetto all’emergenza climatica, più di tutti è sentito dai giovani tra i 18 e i 24 anni (79,4%). L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia è fonte di ansie per gli over 64 più che per le altre fasce d’età considerate (85,9%) e per i 45-64enni (84,3%); anche l’espansione economica della Cina preoccupa in particolare gli over 64 (59%) e i 45-64enni (56,7%) più delle altre fasce d’età. Si dicono preoccupati, in misura maggiore, per la politica espansionista della Cina soprattutto gli elettori di centrosinistra (60,6%), seguiti da quelli di destra (59,5%). Questo timore è comunque diffuso tra le altre aree politiche di appartenenza dei cittadini intervistati con valori sempre superiori al 50%.

Guardando all’orientamento politico, pur essendo un timore largamente condiviso da tutti, le conseguenze del conflitto Russia-Ucraina fanno temere in modo particolare gli elettori di centrosinistra (88,9%), di sinistra (87%) e di centro. (85,8%). Più di tutti, e con maggiore in intensità rispetto alle altre aree politiche, a sinistra (85,2%) e al centrosinistra (82,7%) sono forti i timori rispetto all’atteggiamento adottato da alcuni paesi per quanto riguarda i cambiamenti climatici. La crisi energetica preoccupa in maniera trasversale i cittadini intervistati con valori compresi tra l’85% di chi si colloca politicamente al centro e il 91,7% degli elettori di centrosinistra.

Quanto conta il giudizio dell’Europa e l’orgoglio di essere italiani

Secondo l’Eurispes, il 59,1% degli italiani ritiene importanti il giudizio e la fiducia che l’Unione europea ripone nel nostro paese; di contro, il 40,9% dei cittadini non dà importanza a questo aspetto. Il giudizio dell’Unione europea sull’Italia conta soprattutto per gli elettori del centrosinistra (69,3%), del centro (65%) e del Movimento 5 Stelle (66%), sebbene l’europeismo non sia stato tra i valori fondativi di tale movimento politico. Centrodestra (47,5%), destra (46,5%) e quanti non si sentono rappresentati (45,2%) sono quelli che danno minore peso all’opinione dell’UE nei confronti dell’Italia. 

Ai cittadini, poi, l’Eurispes ha chiesto in quale misura si sentano orgogliosi quando il nostro paese ottiene riconoscimenti/successi internazionali. I riconoscimenti in ambito culturale sono sentiti dal 79,5% del campione, mentre l’83,6% si sente orgoglioso dei successi nel settore musicale. I film nostrani che hanno successo a livello internazionale suscitano orgoglio nell’82,8% dei casi. Le vittorie nelle discipline olimpiche inorgogliscono l’81,9% degli italiani, mentre i successi del calcio rendono fieri il 72,2%. Una cucina esportata e copiata in tutto il mondo rappresenta un vanto per l’84,6% mentre poco meno della metà degli italiani si sente orgoglioso del nostro paese sul fronte dei riconoscimenti internazionali in ambito politico (47%). 

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia