Migranti, Oim: «La maggior parte dei migranti che arrivano in Italia via mare parte dalla Libia» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migranti, Oim: «La maggior parte dei migranti che arrivano in Italia via mare parte dalla Libia»

«La maggior parte dei migranti che arrivano in Italia via mare parte dalla Libia (10.932), 4.240 partono dalla Turchia (metà dei quali afgani) e 3.708 dalla Tunisia». Lo ha scritto su Twitter l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) Mediterraneo, riferendo i dati al periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 maggio 2022. Dall’inizio dell’anno «143 migranti sono morti e altri 547 sono scomparsi sulla rotta del Mediterraneo centrale», riferisce l’OIM Libya in un altro post pubblicato su Twitter.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia