Lavoro: occupazione a livelli record nell’area Ocse | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: occupazione a livelli record nell’area Ocse

Nell’Employment Outlook si registrano segnali positivi anche sul fronte dei salari. Male, però, l’Italia

di Redazione

Nell’area Ocse, che raccoglie le 38 economie tra le più sviluppate a livello globale, l’occupazione ha registrato un record, superando il livello pre-pandemia. Contestualmente il tasso di disoccupazione ha raggiunto il livello più basso dal 2001. Lo rende noto l’Ocse, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico, diffondendo l’Employment Outlook che misura lo stato di salute del mercato del lavoro dell’area. Che s’è rivelato particolarmente dinamico, nonostante le molteplici sfide incontrate negli ultimi anni, dalla pandemia alla crescita a ritmi sostenuti dell’inflazione.

Foto di Scott Graham su Unsplash

Nel rapporto sono raccolte anche le previsioni per il futuro, al momento positive: secondo gli analisti dell’Ocse, l’occupazione – attualmente, appunto, a livelli record: a maggio, nell’area Ocse, i posti di lavoro erano 662 milioni, pari al 25% in più rispetto al 2000 – dovrebbe continuare a crescere dello 0,7% circa l’anno tanto nel 2024 quanto nel 2025. Il tasso di disoccupazione a maggio, pari al 4,9%, dovrebbe invece aumentare leggermente.

Per il mercato del lavoro, dunque, il futuro si prospetta positivo. Le incognite, comunque, non mancano: l’Ocse ricorda infatti che la lotta ai cambiamenti climatici porta con sé profonde trasformazioni. Se da un lato alcuni comparti ad alta intensità di emissioni, come quelli legati ai combustibili fossili, subiranno un ridimensionamento, dall’altro si apriranno nuove opportunità nei settori cosiddetti “verdi” (energie rinnovabili, efficienza energetica, economia circolare…).

Da qui, sottolinea l’Ocse, la necessità di accompagnare questa transizione in modo efficace, investendo in programmi di formazione mirati per dotare i lavoratori delle competenze necessarie per i nuovi posti di lavoro green. Allo stesso tempo, è fondamentale offrire sostegno a chi rischia di perdere il lavoro a causa della transizione, sia con misure di ricollocamento che con percorsi di riqualificazione professionale.

Capitolo salari. Nel primo trimestre del 2024 la crescita tendenziale dei salari reali era positiva in 29 dei 35 paesi i cui dati erano disponibili e pari a +3,5% in media nell’area. Da segnalare, la performance negativa per il nostro Paese: in Italia i salari reali hanno registrato un crollo rispetto al quarto trimestre del 2019 del 6,9%. Peggio hanno fatto solo la Repubblica Ceca e la Svezia.

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, Hamas propone governo indipendente a Gaza

«È una questione complessa, ci sono ancora divergenze da colmare ma stiamo facendo progressi». Così Biden alla conclusione del vertice Nato sulla guerra in Medio…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2024, le gaffe di Biden preoccupano i dem

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ribadisce ancora una volta che intende proseguire la sua corsa presidenziale. La conferenza stampa di fine vertice Nato,…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Da Nato pericolosa escalation della tensione»

Aumentano le tensioni tra la Nato e la Russia, soprattutto dopo che Stati Uniti e Germania hanno annunciato il dispiegamento, proprio in Germania, di missili…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salute, una cattiva alimentazione costa ad ogni italiano circa 300 euro l’anno

Una cattiva alimentazione costa ad ogni italiano circa 300 all’anno (oltre ai rischi per la salute) e incide sul Prodotto interno lordo europeo, causandone una…

12 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia