T-Mag | il magazine di Tecnè https://www.t-mag.it Tue, 07 Apr 2020 09:38:37 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.3.2 Istat: «A febbraio vendite in aumento dello 0,8%» https://www.t-mag.it/2020/04/07/istat-a-febbraio-vendite-in-aumento-dello-08/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/istat-a-febbraio-vendite-in-aumento-dello-08/#respond Tue, 07 Apr 2020 09:38:35 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146660 «A febbraio 2020 si stima, per le vendite al dettaglio, una variazione congiunturale positiva dello 0,8% in valore e dello 0,9% in volume. In aumento sia le vendite dei beni alimentari (+1,1% in valore e +1,2% in volume), sia quelle dei beni non alimentari (+0,5% in valore e +0,6% in volume). Nel trimestre dicembre 2019-febbraio 2020, le vendite al dettaglio registrano una crescita dello 0,6% in valore e dello 0,7% in volume rispetto al trimestre precedente. Sono in aumento sia le vendite dei beni alimentari (+1,1% in valore e +1,0% in volume) sia le vendite dei beni non alimentari (+0,4% in valore e +0,7% in volume). Su base tendenziale, a febbraio, si registra una crescita del 5,7% in valore e del 5,8% in volume. L’aumento riguarda soprattutto le vendite dei beni alimentari (+8,2% in valore e +7,8% in volume), ma risultano in crescita anche quelle dei beni non alimentari (+3,8% in valore e +4,3% in volume). Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali positive per tutti i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Generi casalinghi durevoli e non durevoli (+7,6%) e Utensileria per la casa e la ferramenta (+6,3%) mentre l’aumento minore si registra per Cartoleria, libri, giornali e riviste (+1,0%). Rispetto a febbraio 2019, il valore delle vendite al dettaglio aumenta dell’8,4% per la grande distribuzione e del 3,3% per le imprese operanti su piccole superfici. Le vendite al di fuori dei negozi calano dello 0,1% mentre è in crescita sostenuta il commercio elettronico (+15,3%)». Lo ha reso noto l’Istat nel comunicato sul commercio al dettaglio.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/istat-a-febbraio-vendite-in-aumento-dello-08/feed/ 0
Coronavirus, accordo per la sospensione dei muti bancari di Comuni e province https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-accordo-per-la-sospensione-dei-muti-bancari-di-comuni-e-province/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-accordo-per-la-sospensione-dei-muti-bancari-di-comuni-e-province/#respond Tue, 07 Apr 2020 09:28:29 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146658 Stop per 12 mesi ai mutui per Comuni e Province, questa è la decisione presa dall’Abi, Anci e Upi. Comuni e province potranno chiedere alle banche, che aderiranno all’accordo, la sospensione per un anno della quota capitale delle rate dei finanziamenti che scadono nel corso del 2020. In questo modo gli enti locali potranno disporre di liquidità aggiuntiva per sostenere le maggiori spese conseguenti agli effetti indotti dalla diffusione del Covid-19.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-accordo-per-la-sospensione-dei-muti-bancari-di-comuni-e-province/feed/ 0
A febbraio vendite al dettaglio in crescita https://www.t-mag.it/2020/04/07/a-febbraio-vendite-al-dettaglio-in-crescita/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/a-febbraio-vendite-al-dettaglio-in-crescita/#respond Tue, 07 Apr 2020 09:14:20 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146655 L’Istat ha registrato una variazione congiunturale pari a +0,8% in valore e a +0,9% in volume. Su base annua la crescita è stata del 5,7% in valore e del 5,8% in volume

di Redazione

A febbraio 2020 si stima, per le vendite al dettaglio, una variazione congiunturale positiva dello 0,8% in valore e dello 0,9% in volume. In aumento sia le vendite dei beni alimentari (+1,1% in valore e +1,2% in volume), sia quelle dei beni non alimentari (+0,5% in valore e +0,6% in volume).

Nel trimestre dicembre 2019-febbraio 2020, le vendite al dettaglio registrano una crescita dello 0,6% in valore e dello 0,7% in volume rispetto al trimestre precedente. Sono in aumento sia le vendite dei beni alimentari (+1,1% in valore e +1,0% in volume) sia le vendite dei beni non alimentari (+0,4% in valore e +0,7% in volume).

Su base tendenziale, a febbraio, si registra una crescita del 5,7% in valore e del 5,8% in volume. L’aumento riguarda soprattutto le vendite dei beni alimentari (+8,2% in valore e +7,8% in volume), ma risultano in crescita anche quelle dei beni non alimentari (+3,8% in valore e +4,3% in volume).

Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali positive per tutti i gruppi di prodotti. Gli aumenti maggiori riguardano Generi casalinghi durevoli e non durevoli (+7,6%) e Utensileria per la casa e la ferramenta (+6,3%) mentre l’aumento minore si registra per Cartoleria, libri, giornali e riviste (+1,0%).

Rispetto a febbraio 2019, il valore delle vendite al dettaglio aumenta dell’8,4% per la grande distribuzione e del 3,3% per le imprese operanti su piccole superfici. Le vendite al di fuori dei negozi calano dello 0,1% mentre è in crescita sostenuta il commercio elettronico (+15,3%).

(fonte: Istat)

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/a-febbraio-vendite-al-dettaglio-in-crescita/feed/ 0
Coronavirus, la Cina per la prima volta registra zero decessi https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-la-cina-per-la-prima-volta-registra-zero-decessi/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-la-cina-per-la-prima-volta-registra-zero-decessi/#respond Tue, 07 Apr 2020 09:04:51 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146652 Per la prima volta dall’inizio dell’epidemia la Cina ha registrato zero decessi. Lo ha reso noto la John Hopkins University.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-la-cina-per-la-prima-volta-registra-zero-decessi/feed/ 0
Coronavirus, Gove: «Johnson non è attaccato ad un ventilatore» https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-gove-johnson-non-e-attaccato-ad-un-ventilatore/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-gove-johnson-non-e-attaccato-ad-un-ventilatore/#respond Tue, 07 Apr 2020 08:59:01 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146650 «Boris Johnson è in terapia intensiva ma non è attaccato ad un ventilatore». Lo ha detto il ministro Michael Gove, parlando delle condizioni del primo ministro britannico positivo al coronavirus.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/coronavirus-gove-johnson-non-e-attaccato-ad-un-ventilatore/feed/ 0
Censis-Confcooperative: «È uno shock economico. Due anni per tornare ai livelli di Pil stimati fino a gennaio» https://www.t-mag.it/2020/04/07/censis-confcooperative-e-uno-shock-economico-due-anni-per-tornare-ai-livelli-di-pil-stimati-fino-a-gennaio/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/censis-confcooperative-e-uno-shock-economico-due-anni-per-tornare-ai-livelli-di-pil-stimati-fino-a-gennaio/#respond Tue, 07 Apr 2020 08:46:57 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146648 «All’economia italiana occorreranno due anni per tornare ai livelli di Pil stimati fino a gennaio scorso, ossia ai livelli pre-Coronavirus». È quanto emerge nel focus “Lo shock epocale: imprese e lavoro alla prova della lockdown economy“ di Censis e Confcooperative, che considerano una chiusura delle attività fino a maggio, con un ritorno alla normalità entro luglio. Secondo il focus, si avrà un calo di 270 miliardi di euro sul fatturato delle imprese del 2021. «Serve liquidità immediata per tutte le imprese», ha detto il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/censis-confcooperative-e-uno-shock-economico-due-anni-per-tornare-ai-livelli-di-pil-stimati-fino-a-gennaio/feed/ 0
DiaSorin: «Test sierologico entro aprile» https://www.t-mag.it/2020/04/07/diasorin-test-sierologico-entro-aprile/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/diasorin-test-sierologico-entro-aprile/#respond Tue, 07 Apr 2020 08:30:59 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146645 La DiaSorin ha reso noto di aver completato, presso il Policlinico San Matteo di Pavia, gli studi necessari al lancio di un nuovo test sierologico ad alto volume di processamento per rilevare la presenza di anticorpi nei pazienti infettati dal SARS-CoV-2. La società sta lavorando per avere l’autorizzazione che dovrebbe arrivare entro fine aprile.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/diasorin-test-sierologico-entro-aprile/feed/ 0
Petrolio: Wti a 27 dollari al barile e Brent a 34 dollari https://www.t-mag.it/2020/04/07/petrolio-wti-a-27-dollari-al-barile-e-brent-a-34-dollari/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/petrolio-wti-a-27-dollari-al-barile-e-brent-a-34-dollari/#respond Tue, 07 Apr 2020 08:20:59 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146642 All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 27 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 34 dollari.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/petrolio-wti-a-27-dollari-al-barile-e-brent-a-34-dollari/feed/ 0
Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 189 punti https://www.t-mag.it/2020/04/07/titoli-di-stato-spread-btp-bund-a-189-punti/ https://www.t-mag.it/2020/04/07/titoli-di-stato-spread-btp-bund-a-189-punti/#respond Tue, 07 Apr 2020 08:18:10 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146640 All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 189 punti.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/07/titoli-di-stato-spread-btp-bund-a-189-punti/feed/ 0
Quando la digitalizzazione è un problema anche dei giovani https://www.t-mag.it/2020/04/06/quando-la-digitalizzazione-e-un-problema-anche-dei-giovani/ https://www.t-mag.it/2020/04/06/quando-la-digitalizzazione-e-un-problema-anche-dei-giovani/#respond Mon, 06 Apr 2020 14:51:47 +0000 https://www.t-mag.it/?p=146633 La didattica a distanza, al momento inevitabile, ha molti ostacoli sia dalla parte dei professori che degli studenti

di Redazione

La bozza del decreto legge sulla scuola, in discussione in Consiglio dei ministri, prevede, nel caso in cui l’attività didattica non riprenda entro il 18 maggio, che l’esame di Stato conclusivo di terza media venga sostituito con la valutazione finale da parte del consiglio di classe in aggiunta ad una tesina dello studente.  

Oltre a non modificare il calendario didattico – si rispetteranno le festività pasquali -, la bozza prevede l’obbligo della didattica a distanza, fino ad oggi solo consigliata, per rendere possibile la fine dell’anno senza lacune per gli studenti.

Nonostante scuole, docenti e studenti si stiano adattando alla digitalizzazione forzata, la scuola smart è un problema in un paese come l’Italia, poco connesso: il nostro paese è al ventiquattresimo posto fra i 28 stati dell’Unione Europea nel ranking dell’Indice di digitalizzazione dell’economia e della società del 2019.

Il problema è che la poca preparazione digitale non riguarda solo i professori, ma anche gli studenti: secondo il report dell’Istat, lo scorso anno, nonostante il 92,2% dei ragazzi tra i 14 e i 17 anni abbia usato internet nei 3 mesi precedenti l’intervista, meno di uno su tre può vantare alte competenze digitali, nello specifico il 30,2%, mentre il 3% non ha alcuna competenza digitale e circa i due terzi presentano competenze digitali di base.

Essere “nativi digitali” infatti non implica possedere le conoscenze tecnologiche di base. Come emerge dal report, praticamente tutti usano internet, soprattutto i più giovani sono considerati madrelingua rispetto al linguaggio digitale e all’utilizzo di tablet e smartphone, ma sono meno preparati sulle competenze digitali “tradizionali” come Word o Excel. Più che le competenze sono anche i mezzi a ostacolare in alcuni casi la didattica a distanza:  negli anni 2018-2019, il 12,3% dei ragazzi tra 6 e 17 anni non ha un computer o un tablet a casa mentre il 57% lo deve condividere con la famiglia. Condividere un solo device in famiglia con più componenti diventa un problema nel momento in cui anche i fratelli devono seguire lezioni e fare i compiti o in molti casi quando si deve condividere il pc anche con i genitori in smart working.

Secondo i dati Istat del 2019, poi, quasi il 24% delle famiglie non disponeva di accesso a internet e il 25% della banda larga e questo è un ostacolo sia per alunni che per insegnanti. Le soluzioni messe in campo per la didattica a distanza sono molteplici, le diverse piattaforme, le classi virtuali, le lezioni registrate, che sembrano funzionare bene: secondo un’indagine di Studenti.it, solo il 12,9% dei ragazzi continua a studiare esclusivamente sui libri, e il 17,5% utilizza materiale didattico fornito dalla scuola e l’11% reperisce materiale online autonomamente, mentre un 7,8% si appoggia ai video che trova su YouTube. Quasi la metà degli studenti, però, utilizza tutti questi strumenti insieme: libri, materiale didattico trovato online, approfondimenti forniti dai docenti e video.

]]>
https://www.t-mag.it/2020/04/06/quando-la-digitalizzazione-e-un-problema-anche-dei-giovani/feed/ 0