Soffri di insonnia? Potrebbero essere diversi i motivi… | T-Mag | il magazine di Tecnè

Soffri di insonnia? Potrebbero essere diversi i motivi…

di Mirko Spadoni

Queste ultime notti sono state insonni per molti. Secondo una ricerca condotta da Coldiretti, infatti, sono stati circa 12 milioni gli italiani che, a causa del grande caldo di questa estate, hanno passato molte notti svegli, senza riuscire a prendere sonno.
Il caldo, aggiunto in molti casi anche ad una cattiva alimentazione (cibi piccanti o troppo conditi, eccessive quantità di super alcolici e di caffè), non ha dato modo a molti italiani di riposare serenamente prima dell’inizio della stagione autunnale.
Ma non è solo l’afa a disturbare il sonno di molti di noi, o almeno di quelli che hanno un partner. A quanto sembra, infatti, anche la compagna o il compagno ci mettono il loro.
Questo è quanto sostiene un’indagine condotta dalla National Sleep Foundation, associazione no profit statunitense, su un campione di circa 1004 intervistati, tra i 25 e i 55 anni. I dati raccolti rilevano che, per un quarto delle coppie interpellate, il rigirarsi di continuo di chi dorme nello stesso letto rende difficile addormentarsi, favorendo inoltre i risvegli.
Partner, caldo, superalcolici, caffeina e cibi troppo piccanti, ma anche materasso e cuscino inadatti.
Uno studio condotto da alcuni ricercatori svedesi del Lillhagen Hospital di Gotenburg ha rilevato che durante la notte, a causa della scarsa qualità del materasso sul quale si riposa, si cambia posizione addirittura dalle 80 alle 100 volte. Infatti, spiegano i ricercatori, l’esigenza di spostarsi è dettata dall’eccessiva pressione esercitata dal materasso sul corpo.
Il numero degli spostamenti, rileva lo studio svedese, diminuisce sensibilmente (passando da 100 a circa 17) una volta sostituito il cattivo materasso con uno di qualità superiore. Il sonno diventa quindi qualitativamente migliore, perché articolazioni e la colonna vertebrale assumono una posizione naturale, comportando così una riduzione dell’insonnia in circa il 59% dei casi.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia