La spesa degli e-shoppers europei | T-Mag | il magazine di Tecnè

La spesa degli e-shoppers europei

ecommerceUno degli ultimi rapporti della Commissione europea sostiene che i consumatori europei non sono completamente liberi di effettuare acquisti on-line. Nell’Unione europea il 38% dei dettaglianti, che vendono beni di consumo, e il 68% dei fornitori di contenuti digitali hanno ammesso di applicare i geo-blocchi nei confronti degli acquirenti che si trovano in altri Stati membri dell’UE, negandogli sostanzialmente l’accesso a contenuti digitali o l’acquisto di beni di consumo.
Si tratta di una scelta criticata dalla Commissione europea – Bruxelles ha sottolineato che potrebbe violare le norme UE sulla concorrenza – e che di fatto frena l’ulteriore espansione del commercio elettronico, a livello europeo.
Per quanto in crescita nel nostro Paese – nel 2015 gli italiani, che hanno fatto almeno un acquisto on-line, sono stati 17 milioni: ben l’11% in più rispetto all’anno precedente (dati Confesercenti-SWG-Politecnico di Milano) –, l’e-commerce risulta particolarmente diffuso in alcuni Paesi dell’Unione europea: secondo un rapporto Ecommerce Europe-GFK, gli e-shoppers europei sono 331 milioni e nel 2014 hanno speso complessivamente 368,7 miliardi di euro, per l’acquisto di prodotti e servizi on-line.
Come anticipato, in alcuni Paesi l’e-commerce è più sviluppato che in altri: il report osserva che le vendite digitali si concentrano nel Regno Unito, in Germania e in Francia, a cui è possibile ricondurre il 62% del fatturato complessivo.
Difficile sorprendersi, però. Secondo un’analisi condotta dall’Autorità inglese per le telecomunicazioni (OFCOM) che ha passato in rassegna i quattordici Paesi più industrializzati del mondo, nel 2014 la spesa media pro-capite degli e-shopper britannici è stata la più alta in assoluto, pari a 2.195 euro. Una cifra decisamente superiore a quella sborsata dai consumatori italiani (242 euro).

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia