Innovazione: brevetti italiani in crescita | T-Mag | il magazine di Tecnè

Innovazione: brevetti italiani in crescita

Si tratta di una buona notizia, perché il numero dei brevetti registrati è uno dei principali indicatori per misurare l'attività innovativa di un Paese
di Redazione

Nel 2016 gli inventori italiani hanno presentato 4.166 richieste di brevetti. Il dato è positivo, anche perché conferma un’inversione di tendenza.
Nel 2016, l’EPO – ovvero l’Ufficio Brevetti Europeo, l’ente con sede a Monaco di Baviera che gestisce la procedura per l’ottenimento dei diritti di sfruttamento economico delle innovazioni nei 38 Paesi aderenti – ha ricevuto (complessivamente) circa 160mila domande, una parte delle quali (4.166 richieste di brevetti) è stata presentata dagli inventori italiani.

innovazione

Quello italiano è un dato in crescita (+4,5% rispetto all’anno precedente) e in linea con quello relativo al 2015. Quando le richieste di brevetti italiane erano aumentate su base annua (+9%), dopo quattro anni consecutivi caratterizzati dal segno “meno”.
Con una quota del 3% su tutte le domande presentate nel 2016, l’Italia è decima tra i Paesi per numero di richieste brevettuali presentate. Anche allargando la prospettiva temporale, l’Italia occupa una posizione di rilievo per numero di brevetti registrati: un’analisi del sito howmuch.net rivela che, tra il 1977 e il 2015, il nostro Paese ne ha registrati 62.148. Poca cosa rispetto agli Stati Uniti, primi con oltre 3 milioni di brevetti, ma comunque abbastanza da permettere all’Italia di occupare la nona posizione nella classifica generale.
L’incremento dei brevetti è un dato da accogliere positivamente – l’ISTAT osserva che il numero dei brevetti registrati è uno dei principali indicatori per misurare l’attività innovativa di un Paese –, anche perché le ricadute sul fronte occupazionale e della crescita economica non dovrebbero mancare.
Uno studio condotto dall’EPO e dall’Ufficio per la proprietà intellettuale dell’Unione europea (EUIPO) ha quantificato l’impatto dei diritti di proprietà intellettuale – l’elenco include i brevetti, disegni registrati e marchi – sull’economia dell’UE. L’analisi stima che oltre il 42% dell’attività economica totale, pari a circa 5.700 miliardi di euro, è generato dalle imprese ad alta densità di proprietà intellettuale, di queste aziende il 15,3% sfrutta i brevetti registrati.
Notevole anche il contributo occupazionale: il report calcola che le industrie altamente innovative hanno dato un impiego a circa 60 milioni di persone, pari a circa il 28% degli occupati complessivi dell’UE, un numero che sale fino a 82 milioni, se nel computo si includono i posti di lavoro generati indirettamente.
Chi lavora nelle imprese ad alta densità di proprietà intellettuale percepisce anche salari più consistenti: lo stipendio medio è (mediamente) pari al 46% in più rispetto a quello riconosciuto ai lavoratori impiegati in altri settori, con punte che posso raggiungere circa il 70% in più per chi lavora in imprese ad alta incidenza di brevetti.

 

Scrivi una replica

News

Trump: “Non ho mai detto di voler dare armi agli insegnanti”

“Non ho mai detto ‘diamo armi agli insegnanti’. Quello che ho detto è guardare alla possibilità di dare armi a insegnanti esperti di armi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps: “Nel 2017 488mila posti di lavoro, solo il 23% a tempo indeterminato”

“Alla fine del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra i flussi di assunzioni e cessazioni registrati nel corso dell’anno pari a +488.000,…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giustizia, via libera alla riforma delle carceri

Il governo ha dato il via libera a tre decreti attuativi della riforma dell’ordinamento penitenziario. “E’ un lavoro in progress, lavoriamo con strumenti diversi con…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Commercio, dal 2008 meno negozi più bar-ristoranti e hotel

Attualmente rispetto al 2008, in Italia, ci sono circa 62mila negozi in meno (-10,9%), 39mila bar-ristoranti-hotel in più e una grande crescita delle imprese commerciali…

22 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia