Amministrative: i risultati dei ballottaggi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Amministrative: i risultati dei ballottaggi

A Genova, Verona e L'Aquila vittorie importanti per il centrodestra. A Parma confermato Federico Pizzarotti
di Redazione

Domenica 25 giugno si è votato in 111 Comuni d’Italia per i ballottaggi delle amministrative 2017. Tra le sfide più interessanti quelle di Genova, Parma, Verona e L’Aquila vinte per lo più dal centrodestra. La percentuale degli elettori che si è recata ai seggi alle ore 23 – termine ultimo per votare – si è attestata al 46,03%.

A Genova il candidato del centrodestra Marco Bucci è stato eletto sindaco con il 55,24% dei voti, avendo la meglio sullo sfidante del centrosinistra Gianni Crivello. Si tratta di una vittoria molto importante, tenuto conto che dalla metà degli anni ’80 il capoluogo ligure è stato governato sempre da una giunta di centrosinistra.
Anche a Verona il candidato sostenuto dal centrodestra – Federico Sboarina – ha avuto la meglio sulla rivale, Patrizia Bisinella della Lista Tosi.
A L’Aquila, con il 53% dei voti, è stato eletto sindaco Pierluigi Biondi, anch’egli candidato del centrodestra. Lo sfidante Americo Di Benedetto si è fermato al 46%. Discorso a parte merita Parma: qui la sfida era tra il sindaco uscente Federico Pizzarotti, eletto nel 2012 con il M5S, in seguito espulso dal Movimento e ora ricandidato con una lista civica, e il candidato del centrosinistra, Paolo Scarpa. Pizzarotti viene riconfermato sindaco con il 57,87% dei voti.

ALTRI COMUNI AL VOTO
Anche a Piacenza (Emilia Romagna) e La Spezia (Liguria) il copione non cambia e in entrambi i casi vince il centrodestra. A Piacenza Patrizia Barbieri ha la meglio su Paolo Rizzi, mentre a La Spezia Pierluigi Peracchini si è imposto su Paolo Manfredini. Il M5S ottiene un’importante vittoria a Carrara con Francesco De Pasquale, che ottiene il 65% dei voti. Rimanendo in Toscana il centrodestra vince anche a Pistoia, comune “rosso” dal dopoguerra: Alessandro Tomasi viene eletto con il 54% dei consensi.

IL CASO TRAPANI
A Trapani il candidato “unico” Piero Savona (PD) non è riuscito a diventare sindaco: necessitava del quorum del 50% più uno e almeno del 25% delle preferenze, ma l’affluenza si è fermata al 26%, così la città siciliana è ora senza sindaco e verrà commissariata. Alcune vicende giudiziarie durante la campagna elettorale avevano interrotto la corsa degli altri candidati alla poltrona di sindaco.

—–
È possibile consultare tutti i risultati del secondo turno delle amministrative 2017 su Eligendo, il portale delle elezioni del Ministero dell’Interno.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia