Istat: «Ad aprile inflazione allo 0,5%» | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: «Ad aprile inflazione allo 0,5%»

«Nel mese di aprile 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenti dello 0,1% sul mese precedente e dello 0,5% su base annua (da +0,8% registrato a marzo), confermando la stima preliminare. Il rallentamento dell’inflazione, in parte frenato dall’accelerazione dei prezzi dei Beni alimentari (da +0,5% di marzo a +1,3%), si deve prevalentemente all’inversione di tendenza dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (da +5,0% a -1,2%) e dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,5% a -0,7%), cui si aggiunge quella, meno marcata, dei prezzi dei Servizi relativi alle comunicazioni (da +0,4% a -0,7%). L’“inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi rallenta a +0,5% (era +0,7% nel mese precedente) mentre quella al netto dei soli Beni energetici si attesta a +0,5% (come a marzo). L’aumento congiunturale dell’indice generale dei prezzi al consumo è dovuto principalmente ai rialzi dei prezzi degli Alimentari lavorati (+0,7%), dei Beni energetici non regolamentati (+1,1%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+1,0%), quasi del tutto neutralizzati dal calo dei prezzi dei Beni energetici regolamentati (-5,5%). Su base annua la crescita dei prezzi dei beni rimane stabile rispetto al mese precedente (+0,7%) mentre quelli dei servizi ha subito una decelerazione (da +0,9% a +0,3%), il differenziale inflazionistico tra servizi e beni torna negativo (da +0,2 punti percentuali di marzo a -0,4 punti percentuali). L’inflazione acquisita per il 2018 è +0,7% per l’indice generale e +0,5% per la componente di fondo. I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,4% sul mese precedente e dell’1,2% rispetto ad aprile 2017 (+0,4% a marzo). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto salgono dello 0,3% su base mensile e dell’1,4% su base annua (in accelerazione da +0,8% del mese precedente). L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta dello 0,5% in termini congiunturali e dello 0,6% in termini tendenziali (in decelerazione da +0,9 di marzo), confermando la stima preliminare. Il rialzo congiunturale più marcato rispetto al NIC si deve al rientro definitivo dei saldi invernali di abbigliamento e calzature di cui il NIC non tiene conto. L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, rimane stabile su base mensile e aumenta dello 0,4% rispetto ad aprile 2017». È quanto emerge nella nota sui prezzi al consumo pubblicata dall’Istat sul proprio sito.

 

Scrivi una replica

News

Corea del Nord, Kim testa una nuova arma tattica

Secondo media internazionali, il leader nordcoreano Kim Jong-Un ha testato una nuova arma tattica guidata, definendola un grande evento di vitale importanza. Anche se non…

18 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Torna a crescere il Pil nel primo trimestre del 2019: +0,1%»

Stando a quanto reso noto da Bankitalia, il Pil italiano è tornato a crescere nel primo trimestre del 2019 dello 0,1%. Segnali positivi anche dal…

18 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libertà di stampa, l’Italia migliora

Secondo la classifica stilata da Reports sans frontières (Rsf) sulla libertà di stampa, l’Italia continua a guadagnare posizioni e supera gli Stati Uniti posizionando al…

18 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indonesia, presidente Widodo si proclama vincitore

Joko Widodo, presidente indonesiano in carica, si è proclamato vincitore delle elezioni presidenziali che si sono tenute in Indonesia nella giornata di ieri. Widodo sostiene…

18 Apr 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia