Amministrative 2018: centrodestra avanti, frena il M5S | T-Mag | il magazine di Tecnè

Amministrative 2018: centrodestra avanti, frena il M5S

Il centrosinistra, invece, ottiene una vittoria importante a Brescia, ma rischia a Siena. Bene nei municipi di Roma chiamati alle urne. Ma in generale il risultato è negativo
di Redazione

Domenica 10 giugno si è votato in oltre 700 comuni per le amministrative 2018 per un totale di quasi sette milioni di italiani al voto. Secondo molti osservatori sarebbe stato questo, nonostante i pochi giorni maturati al governo del paese, il primo test attendibile per sondare la tenuta di Lega e M5S. E sintetizzando molto l’esito del turno elettorale si può concludere che il centrodestra (unito a livello locale) a traino leghista avanza ancora, mentre il M5S – che forse paga la difficile ed estenuante trattativa per la formazione dell’esecutivo – frena la sua corsa rispetto al 4 marzo. Il centrosinistra conferma le difficoltà già emerse alle ultime elezioni politiche, tuttavia in alcuni casi tiene bene e a Brescia ottiene un importante risultato con la riconferma di Emilio Del Bono.

A Vicenza Francesco Rucco della Lega vince al primo turno e anche a Treviso il centrodestra è prossimo alla vittoria, sempre grazie alla Lega, con Mario Conte al 54,3% mentre Giovanni Manildo, candidato del centrosinistra è poco sotto il 38%. Curioso il caso di Imperia, dove l’ex ministro di Forza Italia, candidato sindaco con il sostegno di alcune liste civiche, sfiderà al ballottaggio il candidato del centrodestra Luca Lanteri sul quale è in vantaggio (35,28% a 28,67%). Nei comuni del Centro Italia si andrà perlopiù al ballottaggio. Il centrosinistra ottiene la riconferma a Brescia, ma perde una roccaforte come Terni (dove il candidato del centrodestra Leonardo Latini è in netto vantaggio e potrebbe andare al ballottaggio con il candidato stelle, Thomas De Luca). Rischia poi a Siena dove il sindaco uscente Bruno Valentini (Pd) e Luigi De Mossi del centrodestra dovranno vedersela nel testa a testa del 24 giugno.

Nei municipi romani in cui si è votatato – l’VIII e il III – si registra la sconfitta del M5S, dove è avanti il centrosinistra in entrambi i casi (all’VIII dovrebbe essere confermata la vittoria al primo turno per il candidato Amedeo Ciaccheri). I seggi si sono chiusi alle 23 di domenica 10 giugno e la percentuale degli elettori che si sono recati alle urne per le elezioni comunali è stata del 61,19%. È possibile consultare i risultati sul sito del Viminale. I dati sui comuni siciliani sono invece consultabili sul sito della Regione Siciliana, alla stregua di quelli dei municipi romani sul sito di Roma Capitale.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump torna a criticare la Fed: «Abbiamo chance di creare ricchezza e successo per Usa, non la rovini»

L’economia americana gode di ottima salute, eppure il presidente statunitense Donald Trump non ha mancato di criticare via Twitter l’operato della Fed, rea a suo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autonomia, Conte: «Avanti con le garanzie che ho sempre richiesto»

«Il disegno dell’Autonomia differenziata si sta realizzando con le garanzie che ho sempre richiesto, di realizzare un progetto previsto dalla Costituzione, ma senza che questo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Grecia: scossa di magnitudo 5,3 ad Atene

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita oggi nella capitale della Grecia, Atene, e in tutta l’Attica. La magnitudo è stata stimata a 5,3.…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cigl: «I 40enni di oggi con un lavoro saltuario andranno in pensione dopo i 73 anni»

«I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia