Il commercio internazionale indebolisce l’economia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il commercio internazionale indebolisce l’economia

Istituti e organizzazioni concordano: il rallentamento economico è dovuto in particolare alle tensioni commerciali e alla guerra dei dazi

di Redazione

In attesa di conoscere il verdetto dell’Organizzazione mondiale del Commercio sui dazi Usa all’Europa, la stessa Wto ha intanto deciso di tagliare le stime sugli scambi commerciali. Le tensioni commerciali e il rallentamento dell’economia mondiale sono alla base della riduzione delle stime. In altre parole tutti questi elementi – cui va aggiunta l’incognita Brexit – produrrà un volume di scambi in crescita dell’1,2%, al ribasso dal 2,6% previsto nei mesi scorsi per il 2019. Anche le previsioni per il prossimo anno calano al 2,7% dal precedente 3%.

Delle due l’una, avverte la Wto. O le relazioni commerciali – soprattutto tra Stati Uniti e Cina – tornano a stabilizzarsi oppure il rischio di un ulteriore peggioramento è da mettere in conto. E l’export che diminuisce è motivo di rallentamento per l’Eurozona, come informa l’Istat. Il PIL dell’area dell’euro, infatti, è aumentato dello 0,2% nel secondo trimestre, in rallentamento rispetto al primo (+0,4%) a seguito del contributo negativo delle esportazioni nette (-0,1 punti percentuali) e della flessione del valore aggiunto del settore manifatturiero (-0,7%).

I motivi che spingono al ribasso previsioni e scenari sono gli stessi di sempre, su cui concordano diversi istituti e organizzazioni. «I maggiori rischi per le prospettive – si legge nell’Eurozone Economic Outlook di Istat, Ifo e Kof – sono legati alle turbolenze geopolitiche: l’accresciuta incertezza derivante dai conflitti commerciali a livello globale, gli sviluppi politici legati a un aumento delle probabilità di una hard-Brexit e i recenti attacchi terroristici alla produzione petrolifera. Il proseguimento della fase di rallentamento del commercio internazionale potrebbe produrre ulteriori effetti negativi sulle esportazioni e sull’attività manifatturiera dei principali paesi europei, in particolare la Germania».

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Conte: «Ci sono le condizioni per proseguire lo stato d’emergenza dopo il 31 luglio»

«Ragionevolmente, ci sono le condizioni per proseguire lo stato di emergenza per il coronavirus dopo il 31 luglio». Lo ha detto il presidente del Consiglio,…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, la presidente ad interim della Bolivia è risultata positiva

La situazione continua ad essere preoccupante in America Latina e la presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha annunciato di essere risultata positiva ad…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Sud, trovato morto il sindaco di Seul

Un biglietto di scuse e di ringraziamento «a tutti coloro che hanno fatto parte della mia vita» è stato trovato nella residenza del sindaco di…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «Nel 2020 il Pil italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%»

Nel 2020, il Prodotto interno lordo italiano dovrebbe contrarsi del 9,5%, «in uno scenario di base, in cui si presuppone che la diffusione della pandemia…

10 Lug 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia