La politica debole | T-Mag | il magazine di Tecnè

La politica debole

di Carlo Buttaroni

Non è né la democrazia senza consenso, dei governi nazionali che si sono succeduti dalla fine della prima repubblica, né il consenso senza democrazia che sembra caratterizzare il governo locale dei super-sindaci, super-presidenti, super-governatori di cui si sente veramente il bisogno. La ricerca di un “uomo forte” che sappia farsi interprete di una “politica forte” è la risposta incompleta di un sistema che vive gli affanni dell’inadeguatezza. La sfida vera a cui la politica è chiamata è quella di sapersi ri-costituire in agenzia di senso e di orientamento. Anche se inespresso, o sottaciuto, o sussurrato, si sente il bisogno di una politica che sappia progettare e farsi carico di quella interpretazione/rappresentazione della complessità che la società richiede. E ciò è necessario proprio oggi, nel momento in cui il regno dell’economia volge al termine e la razionalità progressiva del neoliberismo si è dimostrata inadeguata. E qui si consuma l’altro paradosso: il sistema dei partiti invece di aprirsi alle nuove opportunità, facendosi interprete e rappresentante delle nuove istanze, puntando sulla qualità di una nuova possibile classe dirigente, ha avviato un processo avvitante ed oligarchico, sempre più centrato sulla figura dei leader. E i processi di selezione delle leadership, anche quando attingono nella cosiddetta società civile o quando cercano forme nuove di legittimazione come le primarie, si rivolgono ad élite contigue e accreditate dai leader stessi. Ed infatti, il sistema politico appare sempre più incapace di autoriformarsi e di rispondere alle nuove sfide, allontanandosi sempre più dalla società, proprio mentre quest’ultima si avvicina sempre più alla politica.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia