La politica debole | T-Mag | il magazine di Tecnè

La politica debole

di Carlo Buttaroni

Non è né la democrazia senza consenso, dei governi nazionali che si sono succeduti dalla fine della prima repubblica, né il consenso senza democrazia che sembra caratterizzare il governo locale dei super-sindaci, super-presidenti, super-governatori di cui si sente veramente il bisogno. La ricerca di un “uomo forte” che sappia farsi interprete di una “politica forte” è la risposta incompleta di un sistema che vive gli affanni dell’inadeguatezza. La sfida vera a cui la politica è chiamata è quella di sapersi ri-costituire in agenzia di senso e di orientamento. Anche se inespresso, o sottaciuto, o sussurrato, si sente il bisogno di una politica che sappia progettare e farsi carico di quella interpretazione/rappresentazione della complessità che la società richiede. E ciò è necessario proprio oggi, nel momento in cui il regno dell’economia volge al termine e la razionalità progressiva del neoliberismo si è dimostrata inadeguata. E qui si consuma l’altro paradosso: il sistema dei partiti invece di aprirsi alle nuove opportunità, facendosi interprete e rappresentante delle nuove istanze, puntando sulla qualità di una nuova possibile classe dirigente, ha avviato un processo avvitante ed oligarchico, sempre più centrato sulla figura dei leader. E i processi di selezione delle leadership, anche quando attingono nella cosiddetta società civile o quando cercano forme nuove di legittimazione come le primarie, si rivolgono ad élite contigue e accreditate dai leader stessi. Ed infatti, il sistema politico appare sempre più incapace di autoriformarsi e di rispondere alle nuove sfide, allontanandosi sempre più dalla società, proprio mentre quest’ultima si avvicina sempre più alla politica.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, peggiorano le aspettative di inflazione. Il sondaggio della BCE

Secondo l’ultimo sondaggio condotto dalla Banca Centrale Europea (Risultati dell’indagine della BCE sulle aspettative dei consumatori) su un campione di 19 mila adulti di undici…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, confermata la recessione a fine 2023

L’istituto federale di statistica Destatis ha confermato la recessione dell’economia tedesca alla fine del 2023. Nel IV trimestre, infatti, il Prodotto Interno Lordo della Germania…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Le politiche monetarie della Bce sono dipendenti solo dai dati»

«La BCE è indipendente e determinata a continuare a essere indipendente e dipendente dai dati nella valutazione che facciamo e nella politica di decisione che…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ex Ilva, Meloni: «Il governo non intende nazionalizzarla»

L’intento del governo non è «statalizzare l’Ilva, credo che ci sia margine per trovare investitori che abbiano interesse a far viaggiare la società. Vorrei fare…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia