Il peccato della coerenza | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il peccato della coerenza

Di Bill Emmott

La coerenza è una virtù, come ci hanno tramandato da una generazione all’altra le nostre madri e le nostre nonne. In economia, però, le cose sono diverse. Questa settimana dovrebbe insegnarci che, mentre la coerenza è certamente una virtù in una agenzia di rating, è un peccato per un governo e, ora, per una federazione europea. La decisione di Standard & Poor’s di abbassare il rating del debito sovrano dell’Italia è stata del tutto corretta, se si pensa lo sia stata quella presa all’inizio dell’estate dalla società americana nei confronti del suo stesso governo. Il ragionamento che sta dietro la decisione è sostanzialmente identico.

Continua a leggere su La Stampa.it

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: dal 1° febbraio al supermercato e in farmacia senza Green Pass

Dal 1° febbraio per entrare nella maggior parte dei negozi servirà il Green Pass base, che si può ottenere anche soltanto con un test anti-genico…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Italia circa ventimila ricoveri in area medica

La nuova ondata di contagi sta mettendo sotto pressione il sistema ospedaliero italiano: i pazienti “con” o “per” Covid-19 ricoverati in area medica sono circa…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, nel mondo oltre tre milioni di nuovi casi al giorno

A livello globale, tra il 13 e il 19 gennaio, i contagi giornalieri hanno superato i tre milioni, una cifra quintuplicata dalla scoperta della variante…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 70mila nuovi contagi in Israele

Sono quasi 70mila i nuovi casi registrati in Israele, dove salgono anche i malati gravi che sfiorano quota 638. Il dato dei contagi è il…

21 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia