Le abitudini degli italiani (non siamo così salutisti…) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le abitudini degli italiani (non siamo così salutisti…)

Per capire meglio l’andamento di Paese, sono tanti gli indicatori e altrettante le variabili. C’è il lavoro con tutti gli aspetti ad esso legati, dalla disoccupazione giovanile a quella femminile. Ci sono poi i sacrifici richiesti dalle istituzioni che, giocoforza, comportano qualche rinuncia da parte dei cittadini. Ed è riflettendo in particolare su quest’ultimo aspetto che ci siamo chiesti: che rapporto hanno gli italiani con se stessi? Rimandano a data da destinarsi le cure del proprio aspetto e della propria salute o ritengono siffatte spese non procrastinabili? Una prima risposta la fornisce il Rapporto Italia 2012 dell’Eurispes.
Intanto, si scopre che i fumatori sono sempre meno. Coloro che non fumano rappresentano infatti il 63,8% del campione. Ciò è dovuto, probabilmente, alle oculate campagne mediatiche contro il vizio del fumo, ma anche dai continui rincari, un balzello per molti cittadini.
Per quanto riguarda la cura di sé, il 53,7% degli intervistati dichiara di seguire un’alimentazione equilibrata, il 47,5% fa periodicamente esami medici di controllo, il 46,7% tiene sotto controllo il peso. Un’assidua attività motoria è praticata dal 42,8%, il 28,4% dichiara che ne fa abbastanza mentre il 19,7% ammette di sostenere uno stile di vita piuttosto sedentario. Le persone particolarmente attente allo stato di salute sono poche, circa l’8,3%. Dall’indagine Eurispes, insomma, emerge un quadro che dipinge gli italiani moderatamente “salutisti”. E un po’ vengono sconfessati i luoghi sulle abitudini del Belpaese. Basti pensare che solo il 3,9% degli italiani si reca con regolarità nelle palestre, il 21% riconosce di non essere costante nell’allenamento e il 62,2% rinuncia senza particolari patemi d’animo all’iscrizione. Anche i centri benessere e quelli estetici, sebbene le diverse sensazioni dovute all’immagine “televisiva” del corpo, non sono poi così frequentati. Rispettivamente il 79,2% e il 76,5% ne fa a meno, mentre il 15,6% e il 15,9% prendono appuntamenti. Occasionalmente, però.
Al buon cibo, invece, non rinunciamo. Almeno così pare a una lettura frivola dei dati raccolti dall’istituto di ricerca. Le diete sono seguite, di tanto in tanto, dal 26,1% del campione. A non seguirle affatto è il 65,1% degli italiani. La percentuale sale ulteriormente in caso di diete “purificanti”. Il 74,8% dei nostri connazionali neppure ci pensa ad intraprenderne una.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia