Chi sono i nemici della Rete? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Chi sono i nemici della Rete?

Cinque blogger sono stati uccisi l’anno scorso e almeno 200 sono stati invece arrestati (120 le persone in carcere). Questo è il bilancio che emerge nel Rapporto pubblicato da Reporters sans Frontieres nella giornata mondiale contro la cyber-censura che si è celebrata lunedì. Gli arresti registrati nel 2011 segnano un aumento del 30% rispetto all’anno precedente. “L’ultimo rapporto pubblicato nel marzo del 2011 al culmine della primavera araba – spiega l’organizzazione – ha evidenziato come le reti sociali si siano definitivamente affermate quali strumenti di protesta, campagne e diffusione delle informazioni e come veicoli per la libertà”. Per queste ragioni, si sottolinea nel rapporto, i regimi repressivi hanno tentato di oscurare le informazioni in grado di “destabilizzare” la propria autorità. E i “cittadini della Rete”, in questo senso, sono stati al centro dei cambiamenti politici nel mondo arabo e altrove.
“Hanno cercato di resistere all’imposizione di un blackout alle notizie e alle informazioni, ma pagando a caro prezzo” la loro attività.
Oltre alle “solite” Cina, Birmania, Corea del Nord e Iran, anche il Bahrain è stato indicato tra i nemici della Rete. Il motivo, afferma il rapporto di Reporters sans Frontieres, è quello di avere introdotto misure che bloccano la diffusione di determinate notizie nonché la repressione ai danni dei blogger che raccontano le proteste della maggioranza sciita.
La Libia, al contrario, dopo la caduta di Gheddafi, non è più contemplata tra i Paesi sotto sorveglianza. “Ci sono ancora molte sfide in Libia, ma la caduta del regime di Gheddafi ha segnato la fine dell’era della censura”, si osserva al riguardo.
Ma Rsf mette in guardia anche Paesi, in teoria, insospettabili. “Allo stesso tempo – si legge nel rapporto –, Paesi apparentemente democratici hanno continuato a dare il cattivo esempio cedendo alla tentazione di dare priorità all’adozione di misure sproporzionate per proteggere il copyright”. Il riferimento è anche alla Francia che recentemente ha varato provvedimenti piuttosto restrittivi per coloro che vengono scoperti a scaricare illegalmente contenuti coperti dal diritto d’autore.
Anche il Venezuela non è più sotto sorveglianza, mentre lo è la Turchia per via della censura posta ai siti web ritenuti “scomodi” dalle autorità.

 

Scrivi una replica

News

Israele-Hamas, l’ottimismo di Biden su tregua non trova ancora sponde

L’ottimismo del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha auspicato un cessate il fuoco tra Israele e Hamas entro lunedì è stato presto…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, condannato a due anni e mezzo il dissidente Oleg Orlov

Il tribunale di Mosca ha condannato il dissidente russo Oleg Orlov, già copresidente della fondazione Memorial, premio Nobel per la pace nel 2022, a due…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Non ci sono piani per truppe Nato in Ucraina»

«Gli alleati della Nato stanno fornendo un sostegno senza precedenti all’Ucraina. Lo abbiamo fatto dal 2014 e lo abbiamo intensificato dopo l’invasione su vasta scala.…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mar Rosso, Crosetto: «Dai ribelli Houthi una minaccia alla sicurezza tout court»

«Non si tratta più solo della sicurezza dei trasporti navali ma della sicurezza tout court, visto che pare le intenzioni degli Houthi siano quelle di…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia