Gli italiani e il valore del multilinguismo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani e il valore del multilinguismo

In quanti conoscono almeno una lingua che non sia l’italiano? Sommariamente il 37,8% degli intervistati dichiara di sapere una lingua estera e il 34,3% di conoscerne due. Di questi, il 92 per cento afferma di parlare inglese, il 42 per cento francese, il 26 per cento spagnolo e il 9,1% tedesco. I dati sono stati raccolti dall’Eurispes, che lunedì ha presentato i risultati della ricerca Conosci le lingue estere condotta in 28 (su 34) Biblioteche del comune di Roma.
Scopo dell’iniziativa in collaborazione con Eunic (European Union National Institutes for Culture) è stato quello di ribadire come il multilinguismo sia da ritenersi un valore fondamentale nonché una risorsa e una fonte di opportunità (anche di lavoro) nell’ambito della comunità europea. L’Ue, infatti, è impegnata in programmi che permettano ai cittadini di conoscere almeno altre due lingue oltre a quella materna. Mentre il 99,8% del campione (circa mille persone) ha ammesso di saper parlare lingue all’interno dell’Ue, appena il 6.7% degli interpellati ha sostenuto di conoscere lingue extraeuropee. Le donne sembrano avere una marcia in più. Il 57,6% delle intervistate (tra loro è presente una componente di studenti straniere pari al 4%) conosce almeno due lingue straniere ed il 21,8% addirittura tre, al contrario il 43,5% degli uomini conosce due lingue e l’11% ne sa tre. Tuttavia le nuove frontiere pongono anche obiettivi diversi. Così si scopre che il 40,8 per cento sogna di poter parlare presto il cinese, il 32 per cento l’arabo, il 24,8 per cento il giapponese e il 15,7 per cento il russo. Tra le 23 lingue ufficiali dell’Unione europea le preferenze ricadono sullo spagnolo (43,4%), sul tedesco (34,2), sul francese (30,9), sull’inglese (28) e sul portoghese (10,1).
E qual è il rapporto tra lingue conosciute e grado di istruzione? Presto detto: il 47,2% degli intervistati ha un diploma di maturità, il 46,9% una laurea e/o un master. Sono occupati nel 39,1% dei casi e studenti nel 32,9% (70% del totale). Coloro in cerca di occupazione sono invece il 13,2%.
Ci sarebbe poi un dato che dovrebbe far riflettere. Il 70,1% degli intervistati addossa alle carenze del sistema scolastico nazionale la responsabilità dello “scarso” multilinguismo degli italiani.

 

Scrivi una replica

News

«Durante la pandemia il 13% degli over 45 ha provato depressione per la prima volta»

Il biennio pandemico ha messo a dura prova la salute mentale di molte persone. Lo conferma uno studio coordinato dall’Università di Toronto, in Canada, pubblicato…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inquinamento: nel 2020, nell’Ue, 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili

Nel 2020, nell’Unione europea, sono state registrate 238 mila morti premature a causa dell’inquinamento da polvere sottili. Lo denuncia l’Aee, l’Agenzia europea dell’ambiente, sottolineando che…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Putin sta fallendo, per questo compie attacchi brutali»

«Vladimir Putin sta fallendo in Ucraina e dunque procede con maggiore brutalità, attaccando gli obiettivi civili, privando le persone di luce, acqua e cibo: per…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: «Kiev non riconquisterà la Crimea»

«L’Ucraina non riconquisterà la Crimea». Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass, rispondendo a quanto affermato dal presidente ucraino Volodymyr…

25 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia