Lavoro, l’obiettivo del governo è ridurre la disoccupazione al 5% strutturale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, l’obiettivo del governo è ridurre la disoccupazione al 5% strutturale

L’intenzione del governo è di ridurre il livello di disoccupazione al 4-5% strutturale. I nuovi ammortizzatori andranno a regime dal 2015 e i fondi per finanziarli “non saranno presi dal fondo sociale”, come ha assicurato il ministro Fornero.
La riforma degli ammortizzatori sociali sarà incentrata sulla creazione dell’Assicurazione sociale per l’impiego (Aspi), una forma di tutela e di sostegno al reimpiego che sostituirà tutto ciò che non rientra nella cassa integrazione ordinaria.
“L’unica cosa che non ci convince affatto, anzi siamo preoccupatissimi è la transizione breve per la riforma degli ammortizzatori, che anticipa lo stop alla mobilità”, è stato il commento del segretario della Cisl, Raffaele Bonanni.
“L’incontro di oggi tra governo e parti sociali – ha invece osservato la leader della Cgil, Susanna Camusso – ha segnato un passo indietro”. In particolare a causa della “proposta di accelerazione del nuovo sistema che introduce l’indennità di disoccupazione per sostituire la mobilità che prevede una riduzione della copertura temporale e nessun vantaggio in termini di indennità economica”. Questo, ha spiegato, “ci preoccupa moltissimo vista l’intensità della crisi che stiamo attraversando”.

 

Scrivi una replica

News

La Commissione europea apre procedura d’infrazione su deficit per Italia, Francia e altri cinque paesi

La Commissione europea ha aperto una procedura per deficit eccessivo per Italia, Francia, Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. «Dopo i passaggi previsti, verranno proposte…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Evitare fratture su nomine vertici UE»

«La composizione dei vertici europei deve evitare fratture», dato che l’Europa ha davanti a sé «sfide da affrontare velocemente». A sostenerlo il presidente della Repubblica,…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispetto del voto, ma UE ha valori irrinunciabili»

«La coscienza democratica impone di rispettare sempre il voto degli elettori. Ma è importante ricordare che vi è un carattere irrinunciabile dell’UE nato da un…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2024, al via la prima prova in tutta Italia

Sono iniziati questa mattina, mercoledì 19 giugno, alle 8,30, gli esami di Maturità 2024. La prima prova prevede la scrittura di un tema su sette…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia