La crisi tra speranze e deficit di futuro | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi tra speranze e deficit di futuro

di Matteo Buttaroni

La situazione economica italiana ha provocato una profondo senso di incertezze alimentando in questo modo il deficit di speranza e di futuro, condizione che, trasversalmente, ha investito ogni individuo al di là dell’appartenenza politica, della classe sociale, delle fasce di età e di genere e della diversa territorialità. Lo scenario descritto, che di per sé sembra rasentare un pessimismo da letteratura, è in verità reso evidente dall’ultima indagine Tecnè secondo cui ad oggi il 50% degli intervistati ritiene il proprio tenore di vita peggiorato, il 41% invariato e solo il 9% migliorato. Non solo. A “scrutare il futuro” appena il 21% confida in un miglioramento, mentre il 41% è convinto che peggiorerà ulteriormente.
I dati raccolti fanno il paio con quanto evidenziato all’interno del Rapporto Italia 2012 dell’Eurispes. La situazione economica italiana, viene spiegato, è nettamente peggiorata secondo il 67% degli italiani e il 56,6% crede che non riuscirà a migliorare nel corso del 2012. Pochi, anzi pochissimi sono coloro che pensano che la situazione sia migliorata rispetto al 2010: 1,4% degli italiani. In riferimento al territorio i più pessimisti sarebbero gli abitanti di Sardegna e Sicilia, di cui ben il 76,1% crede che la situazione sia nettamente peggiorata. A seguire le altre regioni del Sud con il 75,6%. Anche nelle diverse aree politiche si riscontra un pessimismo pressoché trasversale. Ciò vale per il 73,3% degli intervistati che si dichiarano di sinistra e per il 67,3% di coloro che si professano di destra, e ancora per il 61% dei “centristi”, 58,9% per il centrosinistra e 57,4% per il centrodestra. Netto il dato riguardante il peggioramento riscontrato da chi non dichiara alcuna appartenenza politica: 95,6%.
Il quadro dipinto dall’Eurispes appare più negativo rispetto alla ricerca Tecnè. Infatti, solo il 6,1% degl intervistati crede che il prossimo anno la situazione migliorerà, contro il 56,6% che prevede un peggioramento e il 26,9% che pronostica stabilità.
A influire pesantemente sull’umore e sulle speranze degli italiani è la scomparsa dei risparmi. Il 48,5% delle famiglie italiane è costretto a usare i soldi messi da parte per arrivare alla fine del mese, di cui il 45,7% riscontra comunque notevoli difficoltà nel superamento dell’ultima settimana, mentre il 27,3% confida di non riuscire ad arrivare allo stipendio successivo.
Netto distacco tra chi non riesce a mettere denaro da parte e chi qualche risparmio a stento riesce ad accampare, rispettivamente il 70% ed il 15,7%. Il 24,9% e il 18,6% dichiarano rispettivamehte di non riuscire a pagare il mutuo o la rata dell’affitto.
Quello che si presenta è una sorta di addio al risparmio e un abbandono della speranza di riuscire a crearselo. A fronte dei dati raccolti emerge che meno del 5% del campione è certo di riuscire a mettere soldi da parte, contro il 13,1% che afferma che probabilmente ci riuscirà ed il 38,2% che pensa che probabilmente nel 2012 non ci sarà possibilità di risparmio. Ancora alto il valore dei pessimisti assoluti che per il 34,8% è certo che non si riuscirà a mettere soldi da parte. Se è difficile risparmiare grazie al proprio conto corrente, rimangono comunque le fonti di investimento. La più comune di tutte è sicuramente il mattone, seguito dall’acquisizione di fondi o azioni e dall’investimento in titoli di Stato. Il dato rilevante è quello secondo cui, quasi un terzo degli intervistati, non sa come investire i propri risparmi.
Altro fattore di notevole incisione sulla speranza degli italiani è il calo del potere d’acquisto, riscontrato dal 73,6% degli intervistati. Opinione diffusa sostanzialmente in modo uniforme tra le varie classi di età, di genere, di appartenenza politica e di territorio. In particolare gli italiani hanno tagliato le spese ralative ai regali, che dal 77,8% dei casi del 2011 sono aumentati all’82,7% del 2012. Pressapoco lo stesso aumento è stato registrato nei tagli alle spese dedicate alle vacanze, da 70% a 72,2%; anche nei prodotti in saldo e all’acquisto di abbigliamento in negozi economici, gli intervistati hanno affermato di aver effetuato tagli alle spese nel 75,4% e nel 73,4% dei casi.
Il lento svuotamento delle proprie tasche ha costretto gli italiani ad avvicinarsi sempre più al prestito bancario. I motivi principali sono l’estinzione del mutuo (41,9%), il saldo di vecchi debiti accumulati (33,1%), le spese cerimoniali come battesimi, comunioni, matrimoni (13%), le spese mediche (9,8%) e le vacanze (2,8%). Il dato preoccupante, in questo contesto, è che il 6,3% degli intervistati non potendo ricorrere ai prestiti bancari ha chiesto aiuto a usurai.
Anche le relazioni sono state “toccate” dalla crisi economica, infatti, il 73,1% degli intervistati limita le uscite fuori casa, di cui il 56,7% sostituisce le uscite a cena con rimpatriate casalinghe con gli amici e un percentuale simile sostituisce il biglietto del cinema con un dvd o un film in streaming. Secondo il 67,9% del campione la crisi fa guadagnare tempo alla famiglia, i cui valori inossidabili sono sottolineati anche nell’ultimo studio del Censis. Ma la crisi obbliga in determinate circostanze gli italiani a fare a meno del “passato”. Non sembra troppo un caso, dunque, il proliferare di una sorta di mercato dei “ricordi”. Basti pensare che sono aumentate di molto le vendite online di oggetti e beni nonché incrementati gli affari di esercizi commerciali come i “Compro-Oro”.

 

1 Commento per “La crisi tra speranze e deficit di futuro”

  1. […] della merce”, fatto sta che il consumismo è duro a morire. E ciò, pare, nonostante una percezione pessimista della vita a medio e lungo termine. Prendiamo alcuni esempi. Il 43,9% degli italiani (dati Eurispes) possiede […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia