Si comprano più case (ma crollano i mutui) | T-Mag | il magazine di Tecnè

Si comprano più case (ma crollano i mutui)

Nel terzo trimestre 2011, rileva l’Istat, le convenzioni relative a compravendite di unità immobiliari sono risultate pari a 175.644, in aumento del 4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Il 93,1% delle convenzioni stipulate nel periodo considerato (163.563) riguarda immobili ad uso abitazione ed accessori, il 6,2% (10.857) unità immobiliari ad uso economico. Considerando la tipologia di utilizzo, nel periodo compreso tra luglio e settembre del 2011 le compravendite di immobili ad uso residenziale aumentano del 3,4% rispetto al terzo trimestre del 2010, quelle di unità immobiliari ad uso economico registrano una crescita tendenziale del 12,4%. Si segnala, tuttavia, che il numero di compravendite ad uso economico stipulate nel terzo trimestre 2010 è stato il più basso mai registrato dal 1997.
Confrontando l’andamento dei primi nove mesi del 2011 si riscontra una leggera diminuzione, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, pari allo 0,9% per il totale delle compravendite e per le compravendite ad uso abitazione, a fronte di un lieve aumento delle compravendite immobiliari ad uso economico (+0,7%).
Nel terzo trimestre 2011 le compravendite di unità immobiliari mostrano variazioni tendenziali positive in tutte le ripartizioni territoriali. La crescita maggiore si registra nelle Isole (+11,5%), mentre gli aumenti più contenuti, inferiori alla media nazionale (+4,0%), si osservano al Centro (+2,0%) e al Nord-est (+2,3%). L’aumento rilevato al Sud (+4,7%) è superiore a quello medio nazionale, in linea con il dato nazionale quello del Nord-ovest (+4,0%). L’andamento è sostanzialmente analogo per le compravendite ad uso residenziale. Anche per le compravendite ad uso economico sono le Isole a registrare l’aumento più marcato (+24,2%) ed è il Centro a mostrare l’incremento più contenuto (+1,6%). Sono superiori alla media nazionale (+12,4%) gli aumenti rilevati al Sud e Nord-ovest (rispettivamente +19,3% e +14,6%), inferiore quello registrato al Nord-est (+10,1%).
Nel terzo trimestre 2011, per le compravendite in totale l’aumento tendenziale osservato negli archivi notarili distrettuali aventi sede nelle città metropolitane (+4,1%) è di poco superiore a quello delle altre città (+3,9%). L’andamento è analogo per le compravendite di unità immobiliari ad uso residenziale. Le compravendite ad uso economico mostrano un aumento minore nelle grandi città (+11,8%) e più marcato negli altri centri (+12,7%).
Nel terzo trimestre 2011 sono stati stipulati 140.665 mutui, di cui 95.099 (pari al 67,6%) con costituzione di ipoteca immobiliare e 45.566 (32,4%) senza costituzione di ipoteca immobiliare. Rispetto al terzo trimestre 2010 il numero totale dei mutui è diminuito del 18,1%. I mutui con costituzione di ipoteca immobiliare mostrano una diminuzione del 6,7%, i mutui non garantiti da ipoteca immobiliare diminuiscono del 34,6%. L’analisi dei primi nove mesi del 2011 mostra un calo, rispetto allo stesso periodo del 2010, del 7,9% per i mutui in totale, del 4,2% per quelli garantiti da ipoteca e del 13,4% per quelli senza costituzione di ipoteca immobiliare.
Tutte le ripartizioni territoriali mostrano variazioni tendenziali negative per entrambe le tipologie di mutuo. Per i mutui non garantiti da ipoteca immobiliare flessioni più contenute di quella media nazionale (-34,6%) si registrano nelle Isole (-19,3%) e nel Nord-ovest (-26,0%); le diminuzioni maggiori si osservano invece al Centro (-41,8%), al Nord-est (-40,0%) e nel Sud (-35,8%).
I mutui garantiti da ipoteca immobiliare diminuiscono in misura minore (-6,7%). Variazioni più contenute si registrano al Centro (-3,9%) e al Sud (-6,4%), il calo maggiore si registra al Nord-est (-8,5%). Sono al di sopra della media nazionale le diminuzioni tendenziali osservate al Nord-ovest e nelle Isole (rispettivamente -6,9% e -8,0%).
Nel terzo trimestre 2011 il calo del numero dei mutui osservato negli archivi notarili distrettuali delle grandi città (-31,0% per i mutui senza costituzione di ipoteca immobiliare e -5,2% per i mutui garantiti da ipoteca) è minore di quello registrato nei restanti archivi (rispettivamente -37,0% e – 7,7%).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia