Editoria: sarà internet la chiave dello sviluppo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Editoria: sarà internet la chiave dello sviluppo

di Matteo Buttaroni

Secondo una ricerca condotta dal Politecnico di Milano, intitolata New Media & New Internet , sarà il nuovo web il punto focale dello sviluppo del mercato mediatico. Quell’internet, la cui fruizione alimenta e viene alimentata dal diffondersi sempre più frenetico di smartphone, tablet, app e socialmedia vari.
Secondo la ricerca, benché new media e media tradizionali siano strettamente legati, al crescere di uno si registra un calo dell’altro, un movimento questo che non essendo uniforme non consente la crescita del settore in generale, anzi.
Secondo l’indagine il crollo dei media tradizionali è stato del 5%, un calo che ha fatto passare il mercato da 11,9 a 11,4 miliardi di euro, una flessione che i nuovi media non riescono a compensare a causa del piccolo aumento che ha visto il passaggio da cinque miliardi a 5,3.
In particolare sono auementati del 3% i ricavi “pay” per quanto riguarda le tv, mentre sono calati del 4% quelli della stampa.
Se da un lato è aumentata l’advertising per le new tv, aumento addirittura del 23%, cala dell’8% il dato relativo alla pubblicità della tv tradizionale e del 5% per la radio e la stampa.
A testimonianza del fatto che sarà internet la chiave dello sviluppo economico il Politecnico di Milano, nella sua ricerca, fa notare che un fortissimo aumento lo hanno registrato i ricavi ottenuti dalle applicazioni per dispositivi mobili, che crescono di oltre il 130%. Anche la pubblicità nei social network raddoppia rispetto all’anno precedente e ciò si deve anche all’aumento costante di utenze (24 milioni in Italia).
Anche nelle piattaforme per la fruizione di video online, l’advertising ha registrato un notevole aumento, crescendo del 30%.
Sicuramente maggiori meriti per la crescita si devono alla diffusione di smartphone e tablet sui quali la raccolta pubblicitaria è aumentata del 110% e del 70%, dati che pronosticano un sorpasso del pc, nonostante il cui contributo venga considerato la quota maggiore, 40%.
Secondo Andrea Rangone, Responsabile degli Osservatori Ict del Politecnico di Milano, sarà proprio grazie ai nuovi media che l’Italia potrà entrare “a testa alta nella nuova economia digitale” e, per questo, consiglia al settore di prestare più attenzione al consumatore digitale e alla sua esperienza multicanale, di basarsi su nuove competenze e rete di collaborazioni, di puntare su un diverso approccio al mercato e su una maggiore creatività nello sviluppo di prodotti e servizi.

 

1 Commento per “Editoria: sarà internet la chiave dello sviluppo”

  1. La crescita sarebbe ancora maggiore se gli sviluppatori dell’ambiente economico digitale come Apple trattassero i produttori di contenuti come co-creatori della loro ricchezza, e non come o limoni da spremere o come schiavi da aggiogare. Parlo naturalmente da editore di contenuti digitali che si scontra quotidianamente con questa realtà.

Scrivi una replica

News

Copasir, Guerini eletto presidente

Lorenzo Guerini, deputato del Partito democratico, è stato eletto presidente del Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, deputato a vigilare sull’operato dei…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Mosca: «Attacco con un drone di Kiev nella regione russa di Kursk»

Un drone ucraino ha attaccato un aeroporto nella regione russa di Kursk, al confine con l’Ucraina. Lo ha reso noto il suo governatore dopo che…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indonesia, approvata la legge che vieta il sesso fuori dal matrimonio

 Il Parlamento indonesiano ha approvato degli emendamenti legislativi che vietano il sesso prematrimoniale e apportano altre modifiche significative al Codice penale del Paese. Gli atti…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fitch: «Tagliate stime del Pil mondiale: migliora l’Italia»

«Il mondo nel 2023 ‘rallenta’. Infatti il Pil a causa dell’intensificarsi della lotta all’inflazione da parte delle banche centrali e del deterioramento delle prospettive del…

6 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia