Stima preliminare del commercio estero extra-Ue | T-Mag | il magazine di Tecnè

Stima preliminare del commercio estero extra-Ue

L’aumento congiunturale dell’export (+0,5%) è diffuso a tutti i principali raggruppamenti di beni, esclusa l’energia (-26,5%). In particolare, la crescita congiunturale delle vendite all’estero è più sostenuta per i beni di consumo durevoli (+6,7%) e non durevoli (+3,6%). La flessione delle importazioni (-0,4%) interessa soprattutto i beni strumentali (-10,4%) e, in misura più contenuta, i beni di consumo durevoli (-1,1%).
A febbraio 2012, rileva l’Istat, le esportazioni registrano andamenti tendenziali positivi per tutti i raggruppamenti principali di beni. I prodotti intermedi (+15,7%), i beni di consumo non durevoli (14,5%) e i beni strumentali (+5,7%) contribuiscono in misura consistente (per oltre l’80%) alla crescita complessiva delle vendite all’estero. Per le importazioni, l’incremento tendenziale (+4,6%) deriva dall’aumento dell’energia (+26,5%) e dei beni di consumo non durevoli (+4,7%), mentre una riduzione particolarmente significativa si registra per i prodotti intermedi (-15,4%) e i beni strumentali (-7,5%).
I partner commerciali più dinamici all’esportazione sono Svizzera (+35,7%), Giappone (22,1%), Stati Uniti (+21,5%), paesi EDA (+17,6%) e paesi ASEAN (+16,5%).
Positiva, ma inferiore alla media, è la crescita delle esportazioni verso i paesi Mercosur (+10,9%), i paesi OPEC (+2,9%) e la Russia (+0,8%). Registrano, invece, una flessione le esportazioni verso la Cina (-4,8%) e la Turchia (-0,9%).
Sempre a febbraio 2012 si rilevano incrementi tendenziali ampiamente superiori alla media per le importazioni di beni dalla Russia (+31,8%), dai paesi OPEC (+15,9%) e dagli Stati Uniti (+7,2%).
Gli acquisti di beni dalla Svizzera registrano un tasso di crescita positivo, ma inferiore alla media (3,3%), mentre i paesi EDA (-26,7%), la Turchia (-22,3%), il Giappone (-20,4%), la Cina (-11,4%) e i paesi ASEAN (-9,9%) segnano una marcata flessione. Anche le importazioni dall’India risultano in diminuzione, ancorché contenuta (-3,0%). A febbraio 2012, inoltre, si registrano saldi commerciali negativi particolarmente consistenti nei confronti dei paesi OPEC (-1.891 milioni), della Cina (-1.478 milioni) e della Russia (-908 milioni). I saldi positivi più ampi si rilevano nei confronti della Svizzera (1.015 milioni), degli Stati Uniti (838 milioni) e dei paesi EDA (549 milioni).

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Tajani: «Aiutare Kiev significa lavorare per la pace»

«Aiutare l’Ucraina significa lavorare per la pace». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aprendo la prima sessione del G7 a Capri. «Se…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Guterres: «C’è il rischio di un conflitto regionale»

«Negli ultimi giorni si è assistito a una pericolosa escalation, un errore di calcolo o un errore di comunicazione potrebbero portare all’impensabile, un conflitto regionale…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fine vita, governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna

La presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno depositato il 12 aprile al Tar dell’Emilia-Romagna un ricorso contro la Regione per…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica. Lo sostiene una proiezione realizzata dall’Istituto tedesco di…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia