La riforma del mercato del lavoro (in pillole) | T-Mag | il magazine di Tecnè

La riforma del mercato del lavoro (in pillole)

La riforma del mercato del lavoro (che è presumibile sarà modificata in alcune sue parti in Parlamento) si propone, nelle intenzioni del governo, di realizzare una maggiore flessibilità e, dunque, una maggiore inclusione. È su quattro punti che l’esecutivo si è concentrato con particolare dedizione: ridistribuire più equamente le tutele dell’impiego, riconducendo nell’alveo di usi propri i margini di flessibilità progressivamente introdotti negli ultimi vent’anni e adeguando la disciplina del licenziamento individuale per alcuni specifici motivi oggettivi delle esigenze dettate dal mutato contesto di riferimento; rendere più efficiente, coerente ed equo l’assetto degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive a contorno; rendere premiante l’instaurazione di rapporti di lavoro più stabili; contrastare usi elusivi di obblighi contributivi e fiscali degli istituti contrattuali esistenti.
Tutto questo, però, non ha impedito che il dialogo fosse incentrato quasi esclusivamente attorno alla questione dell’articolo 18 la cui ristrutturazione non è stata avallata dalla Cgil né ha trovato il sostegno di molti esponenti del Pd, segretario Bersani in testa.
Per quanto riguarda i licenziamenti discriminatori nulla cambia rispetto all’attuale articolo 18: non sono ammessi e, al di là del numero dei dipendenti, è prevista la condanna del datore di lavoro a reintegrare il lavoratore licenziato e a risarcirlo dei danni retributivi patiti. Per i licenziamenti soggettivi o disciplinari, laddove non venga ravvisata la giusta causa, il giudice stabilisce il reintegro e il risarcimento dei danni retributivi (e il lavoratore, in questa ipotesi, mantiene la facoltà di scegliere al posto della reintegrazione un’indennità sostitutiva pari a 15 mensilità). Ma è sui licenziamenti oggettivi o economici che verte la polemica di questi giorni. Un volta stabilita la ragione oggettiva (ad esempio le difficoltà economiche dell’impresa) il giudice dichiara risolto il rapporto di lavoro disponendo il pagamento in favore del lavoratore di un’indennità risarcitoria. Il timore è che i datori di lavoro possano approfittare della norma simulando una ragione oggettiva che in verità celi una scelta di tipo discriminatorio. Il governo ha assicurato che verranno implementati strumenti che evitino tali abusi e in ogni caso il lavoratore che ritiene valida l’idea di una discriminazione ha la possibilità di provare la colpevolezza del datore. “Al fine di consentire la riduzione dei tempi del processo per quanto concerne le controversie giudiziali in tema di licenziamento – promette l’esecutivo -, si propone, attraverso l’azione di concertazione istituzionale con il ministero della Giustizia, l’introduzione di un rito speciale specificamente dedicato a tali controversie”.
Le disposizioni presentate dal governo non riguardano il settore del lavoro pubblico ed “eventuali adeguamenti saranno demandati a successive fasi di confronto”. (continua)

F. G.

 

1 Commento per “La riforma del mercato del lavoro (in pillole)”

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia